CONDIVIDI

pallavolo italvolley

 

Hiroshima. Con lo svolgimento del classico General Meeting (sino alle 17 giapponesi di oggi era possibile sotituire dei nominativi) sono divenuti ufficiali i 14 atleti che vestiranno la maglia azzurra nella World Cup maschile 2015: Oleg Antonov, Simone Anzani, Simone Buti, Massimo Colaci, Simone Giannelli, Osmany Juantorena, Filippo Lanza, Jacopo Massari, Matteo Piano, Salvatore Rossini, Giulio Sabbi, Daniele Sottile, Luca Vettori, Ivan Zaytsev.

Di questi soltanto tre hanno già vissuto l’ esperienza di una Coppa del Mondo: Buti, Sabbi e Zaytsev, che facevano parte della squadra giunta quarta nel 2011.

 

Daniele Sottile: “Siamo carichi cercheremo di portare a casa la qualificazione”

Hiroshima. Giornata di vigilia trascorsa facendo conoscenza con la affascinante Green Arena, che ospiterà le prime cinque gare dei ragazzi di Blengini e studiando al video il Canada, contro cui gli azzurri esordiranno nella World Cup all’alba di domani (ore 05.00 diretta su skysport 2).

Tra i personaggi nuovi dell’Italia del tecnico torinese, c’è Daniele Sottile, che l’azzurro l’aveva indossato tanti anni fa e che è tornato in vetrina guidando il sestetto di Latina, allenato proprio da Blengini, alle semifinali della Superlega.

Il palleggiatore di Milazzo non ha dubbi sul livello raggiunto dalla squadra italiana: “Siamo carichi, siamo prontissimi, da domani s’inizia a giocare e sino alla fine cercheremo di portare a casa questa qualificazione olimpica”.

“E’ passato tanto tempo da quando sono stato l’ultima volta in nazionale. – ci ha confidato Daniele che nel prossimo campionato vestirà la maglia della Powervolley Milano – Sono molto contento di questa chiamata. Ormai ci siamo la Coppa del Mondo sta per iniziare. Speriamo di esordire nel migliore dei modi”.

“Il mio ruolo? Io spero di essere utile alla squadra. la manifestazione è molto lunga, l’Italia è affidata in buone mani quelle di Giannelli, ma ci vorrà il contributo di tutti per far bene”. Uomo e atleta maturo Sottile ci tiene a sottolineare come nella squadra tricolore abbia trovato un ambiente positivo: “Oramai è un mese che sono tornato in nazionale, dove ho trovato un ottimo gruppo. Stiamo bene in palestra quando lavoriamo, ma anche fuori dal campo. Personalmente so che queste sono cose importantissime. Perché è vero che alla fine la differenza la fa l’individualità tecnica, però il gruppo, in queste manifestazioni soprattutto, ti può portare lontano”.

AUSTRALIA – La seconda gara del torneo azzurro, mercoledì sempre alle 05.10, sarà la sfida con l’Australia del tecnico romano Roberto Santilli, già affrontata quest’anno nella fase preliminare della World League. delle quattro sfide giocate nella prima parte della stagione, l’Italia ne ha vinte tre. Complessivamente il bilancio delle sfide Italia-Atralia è di 18 vittorie azzurre ed una australiana. Da sempre i “canguri” sono una squadra che fa del carattere e della potenza le sue qualità più importanti. Caratteristiche che calzano a pennello al capitano Thomas Edgar, un gigante di ventisei anni e 212 centimetri.

TELEVISIONE – Sarà l’emittente satellitare Sky tv a trasmettere le telecronache delle gare della World Cup maschile 2015. Ben 27 match (tutti quelli degli azzurri in diretta) verranno trasmessi integralmente, molti replicati nell’arco delle 15 giornate di gara.

Questo il programma delle telecronache della prima giornata (8 settembre): SkySport2 – ore 5.00 Italia-Canada (diretta); ore 8.00 Stati Uniti-Australia (diretta); ore 10.00 Italia-Canada (replica); ore 13.00 Italia-Canada (replica); ore 16.15 Stati Uniti-Australia (replica); ore 22.45 Italia-Canada (replica). SkySport1 – ore 11.30 Italia-Canada (replica).

 

Il programma delle prime due giornate di gara

8 settembre: Pool A – Hiroshima: Stati Uniti – Australia, Giappone – Egitto, Canada – Italia (ore 5.10 italiane). Pool B – Hamamatsu: Polonia – Tunisia, Russia – Venezuela, Argentina – Iran.

9 settembre: Pool A – Hiroshima: Australia – Italia (ore 5.10), Egitto – Canada. Stati Uniti – Giappone. Pool B – Hamamatsu: Tunisia – Iran, Venezuela – Argentina, Polonia – Russia.

 

PALLAVOLO COMUNICATO FEDERALE DEL 7 settembre 2015 a cura dell’ufficio stampa Fipav