CONDIVIDI

pallavolo italvolley

Scatta venerdì il World Grand Prix delle azzurre che nella pool di Ankara si confronteranno nell’ordine con Stati Uniti, Belgio e le padrone di casa della Turchia. L’Italia come è noto si presenta all’appuntamento, il primo vero test della stagione con una squadra piuttosto giovane, dove accanto ad elementi maturi ed affidabili con state inserite giovani e giovanissime, ma gli elementi emersi dal campionato. Una gruppo formato da elementi di talento come Cristina Chirichella, solo 22 anni, ma già alla terza partecipazione al duro torneo che porta le squadre a girare il mondo per quattro settimane; o debuttanti come valentina Tirozzi, un’atleta che seppur non più giovanissima l’azzurro se l’è meritato sul campo.

“Sappiamo bene che il Grand Prix sarà difficile, dovremo impegnarci al massimo perché abbiamo un obiettivo importante da centrare. Noi siamo consapevoli di quali sono le armi che abbiamo: prima di tutto l’entusiasmo.” – ha dichiarato Cristina Chirichella che in sole due stagioni è passata dall’essere la bimba della squadra a ritrovarsi in un gruppo in cui ci sono elementi molto più giovani dei suoi 22 anni – “Non sono vecchia, ma effettivamente sono arrivate ragazze giovanissime: un 96, due 98. Per loro sarà una grossa e bella esperienza. Questo è un bel gruppo in cui c’è serenità e voglia di fare. – Poi concludendo – Una manifestazione come questa è molto importante. serve ad amalgamare un gruppo, a stare insieme, ma tante gare ravvicinate servono anche per oliare i meccanismi di gioco. La mia esperienza personale dice che dall’inizio del torneo, alla sua conclusione ci sono davvero tanti miglioramenti”.

Accanto ad una giovane, già alla terza volta nel Wgp, c’è anche chi come Valentina Tirozzi ci arriva con qualche anno in più e meno esperienza azzurra: “Per me è la prima partecipazione al Grand Prix. Una nuova esperienza che faccio dopo aver vissuto un anno strepitoso in cui ho vinto il tricolore con Casalmaggiore. Ma ora quella pagina è chiusa. Comincio con grande voglia una manifestazione che ti permette di ampliare gli orizzonti, che ti fa viaggiare tantissimo e ti offre l’occasione di farti conoscere anche a livello internazionale. una cosa che ultimamente per quanto mi riguarda mi era un po’ mancato. “Il fatto di viaggiare così tanto da una parte è molto stancante, dall’altra è splendida. Dopo questo girone in Turchia, nella prossima tappa saremo in Giappone: un paese che non ho mai visitato, che mi incuriosisce molto per cui non vedo l’ora di partire. Ma al di là di questa esperienza personale, quello che mi attrae di più è la prospettiva di giocare contro le squadre più forti del mondo. Scelte tecniche permettendo non vedo l’ora di confrontarmi con certe formazioni, di mettermi alla prova in un ambito ancora più grande di quello in cui sono abituata. – L’ultimo pensiero di Valentina è sulle possibilità con cui l’Italia affronta il Grand Prix -“La nostra squadra è un mix davvero particolare. Abbiamo delle ragazze davvero giovanissime in un ruolo fondamentale: il palleggio. E’ una vera sfida che secondo me può essere vinta. Abbiamo grandi potenzialità e l’entusiasmo giusto per riuscirci. Sarà indispensabile mettere in campo la giusta attenzione, accompagnata dalla pazienza, se le cose non andranno bene sin dall’inizio. Io sono sicura che il nostro sarà Grand Prix in cui vedremo delle cose positive.”

CALENDARIO ANKARA – 3 luglio: ore 15.00 Italia-Stati Uniti; ore 18.00 Turchia-Belgio. 4 luglio: ore 15.00 Italia-Belgio; ore 18.00 Stati Uniti-Turchia. 5 luglio: ore 15.00 Stati Uniti-Belgio; ore 18.00 Italia-Turchia.

FORMULA – La 23esima edizione del World Grand Prix vede in campo 28 squadre suddivise in tre fasce: dodici nella prima, otto nella seconda e altrettante nella terza.

Nella prima fascia che comprende tutte le migliori squadre sono state inserite: Belgio, Brasile, Cina, Dominicana, Germania, Giappone Italia, Russia, Serbia, Stati Uniti, Thailandia, Turchia.

Queste daranno vita a nove tornei quadrangolari che serviranno a stilare una classifica (che avrà come prima discriminante il numero di vittorie) da cui le prime cinque più gli Stati Uniti (Paese Organizzatore) accederanno alla Final Six in programma dal 22 al 26 luglio a Omaha (Usa).

PALLAVOLO COMUNICATO FEDERALE DEL 1 luglio 2015 a cura dell’ufficio stampa Fipav