CONDIVIDI

festa due principati

Soffre, vince, spera. La Due Principati sbanca Arzano al tie break e rimanda il verdetto playoff alla prossima partita casalinga contro Scafati. Al Pala Irno, tra sette giorni, servirà vincere in tre o quattro set per esser certi di aver blindato il pass per la post season, senza attendere il risultato di Vairano che è quarta con un punto di svantaggio. Ad Arzano serviva una gara di governo ma la P2P c’è riuscita a tratti. Ha sofferto, ha lottato, s’è rimessa in carreggiata e alla fine ha dato l’ultima spallata, l’ultimo urlo. “Il nostro atteggiamento mentale non cambia – dice patron Montuori – sapevamo di essere unici artefici del nostro destino. Dovevamo vincere e lavoreremo sodo tutti insieme – società, staff tecnico e squadra – per raggiungere il nostro obiettivo playoff”. Contro Arzano, squadra salva ma non sazia, anzi pronta a vender cara la pelle contro una delle blasonate del girone, in apertura Baronissi guadagna un risicato vantaggio (4-6) con due aces di Viscito e un paio di lungo linea firmati Pericolo ma è Arzano che mette il naso avanti al tempo tecnico (12-9) capitalizzando al meglio qualche sbavatura nella ricezione irnina più una pecca in battuta. Scappa via Arzano, conduce di + 7 (16-9) ma è nel momento di maggiore difficoltà che la P2P si compatta. In prima linea si presentano Pericolo, Abbruzzo e Troncone. La bomber trova i colpi migliori, Troncone dà il suo apporto lucido ma soprattutto Abbruzzo alza il muro cominciando a sporcare una quantità enorme di attacchi avversari. Un mattone dopo l’altro, grazie anche alla battuta tesa di Cantarella che mette in crisi la ricezione avversaria, Baronissi mette le mani sul set, sorpassa, si porta sul 19-24, ondeggia pericolosamente fino al 22-24 ma si aggiudica il parziale (22-25). Il secondo set comincia con Arzano avanti nel punteggio: 10-6. Punta nell’orgoglio, la P2P reagisce e sorpassa. Abbruzzo ci mette fegato quando attacca in primo tempo il pallone del10-7. Poi è glaciale in battuta e reattiva in due circostanze quando distende i 180 centimetri per due difese. Cresce Fusco. Non basta, perché Arzano ha birra e non molla. Anzi, si riporta in vantaggio (18-17). Coach Veglia replica mischiando le carte in regia e tenendo in caldo Viscito, cui aveva concesso ristoro qualche istante prima mandando in campo Alessandra Pericolo. Sul 23-19, Baronissi chiude il cambio in posto 4. Viscito pesca l’aces del 24-23 e Anna Pericolo mette a terra il pallone del 24 pari. Ai vantaggi, però, la spunta Arzano 26-24. Il terzo parziale comincia con De Chiara al centro, in coppia con Abbruzzo. Trova punti Viscito, poi muro Abbruzzo del 4-7 e il coach di Arzano, Piscopo, chiama time out. Al tempo imposto, invece, la P2P è avanti di 4 con super Troncone (8-12). Dopo una sontuosa “tesa al centro” di Abbruzzo e l’aces di Viscito, Arzano spende l’ultimo time out (11-17). Non è finita. Arzano torna in scia e si porta coraggiosamente sul 23 pari. Occorrono una bordata di Anna Pericolo e un tocco sapiente di capitan De Chiara per strappare il terzo set alle arzanesi (23-25). Quarto parziale a favore di Baronissi al tempo imposto: è + 5 per la squadra di Veglia (7-12) con fast di De Chiara. La centrale replica alla ripresa del gioco, smarcata da Labano. Controbreak di Arzano (11-13) e coach Veglia ferma il gioco. E’ in scia Arzano, rimonta, va punto a punto (c’è pure un dubbio grosso su un diagonale di Baronissi che la coppia arbitrale giudica out) fino al 23 pari. Chiude Arzano 25-23. Al tie break vince la P2P 13-15.

Nel prossimo turno, ultima gara di regular season, la Due Principati affronterà Scafati al Pala Irno di Baronissi. Fischio d’inizio domenica 10 maggio alle ore 18.

 

Ufficio Stampa volleydueprincipati