CONDIVIDI

11136897_10205572615226730_591493689_n

 

La sintesi del match:

[youtube url=”www.youtube.com/watch?v=mwPWfeJD2e0″ width=”560″ height=”315″]

Olimpia Arzano- Lirsa Ottaviano 3-1

(25-19;25-18;16-25;26-24)

Olimpia Arzano: Cecere, Graziano, Del Prete, Menna, Fasulo, Piscopo, Coppola, Petrone, Flaminio. All. Calabrese

Lirsa Ottaviano: Meer, Di Florio, Bianco, Vacchiano, Leone, Pepe, D’Avanzo, D’Angelo, Guancia, Lauro, Canzanella. All. Russo

Se in alcune partite la Lirsa era stata definita la squadra nata per soffrire, oggi si potrebbe definire come la squadra kamikaze che si è suicidata forse nel momento decisivo del campionato. Con Gioia che cade a Nola e perde Matheus, gli ottavianesi hanno pensato bene di sprofondare ad Arzano meritando la sconfitta. Primo set tutto di marca Arzano con i padroni di casa in vantaggio per tutto il set.

Nel secondo set ti aspetti la reazione della squadra che ha più qualità, invece la Lirsa va giù nel dirupo con errori infiniti in battuta e alzate clamorose per chi costruisce il gioco.

Nel terzo set la musica cambia. Un turno lunghissimo di battute di Bianco spacca la partita e porta gli ottavianesi a +9. I vesuviani controllano il set e accorciano sul 2-1.

Nel quarto set la partita si gioca punto a punto. La Lirsa nel momento decisivo allunga di due punti per ben due volte. Arriva anche il set point che Leone in battuta spara via. L’Arzano ha l’occasione della vita e chiude il match portando a casa tre punti importanti. Per la Lirsa gli sorridono solo i risultati altrui che mantengono inalterate le possibilità di qualificazione. Sabato alle 18,30 arriva l’Acquarica.

Ufficio Stampa Lirsa Ottaviano