CONDIVIDI

images

Serata uggiosa per la Guerriero LuVo Arzano che si fa sorprendere dalla volenterosa Proger Friends Roma e finisce col rimediare una brutta sconfitta interna. L’Arzano sceglie la via peggiore per approcciare alla gara. Errori in tutti i reparti, attacchi blandi e troppa deconcentrazione. Il reparto che funziona meglio è il muro che porta 4 punti in cassaforte. Così come è da sottolineare che ben 6 punti arrivano da battute sbagliate delle capitoline. Esiguo in vantaggio fino al secondo time-out tecnico (16-15) poi pensano Ascensao e Culiani a fare crescere le ospiti fino al sorpasso. Sul 21-24 la squadra di casa cerca di inventare qualcosa per limitare i danni ma ormai il set è compromesso. Il tema resta identico anche nel parziale successivo. Guerriero LuVo Arzano che stenta a carburare, indeciso e con qualche palla facile sbagliata di troppo. Il set scorre via sulle ali dell’equilibrio fino al (22-22) poi arriva il nuovo black-out che consente alle ospiti di infilare tre punti di seguito e completare la pratica 22-25. Terzo set in linea con le aspettative dei presenti. Calo delle ospiti e maggiore concentrazione della squadra di casa. Gli errori in attacco restano ma il vantaggio accumulato consente di amministrare con maggiore tranquillità. La Guerriero rientra in partita ed accorcia le distanze. Dopo tante palle che falliscono il bersaglio, la Foniciello manda a segno quella che vale il set: 25-17. Altro dato statistico interessante: sotto nel conto dei set 2-1 le arzanesi vanno avanti nel conto totale dei punti: 70-67. Si risveglia dal torpore Roma nel quarto set. La gara si infiamma nella seconda metà con le ragazze di coach Camiolo che pigiano sull’acceleratore acquisendo un buon margine di vantaggio al secondo time-out (11-16). Le cose non migliorano e la squadra di casa finisce con l’alzare bandiera bianca con Aprea che spedisce fuori l’ultimo pallone del match. Finisce 1-3.

Roberto Esse
Ufficio Stampa Arzano Volley