CONDIVIDI

Prima sconfitta casalinga stagionale per la COIM Accademia che nella sedicesima giornata del campionato nazionale di serie B2 femminile cade ad opera della CAV Cerignola col punteggio di 1-3 (25-17, 19-25, 23-25, 19-25).

Accademia volley

Eppure la gara si era messa subito sui binari giusti per le giallorosse, protagoniste di un gran primo set che aveva fatto presagire ad una nuova giornata di gloria. Ed invece le ospiti, superato l’impatto poco felice con la partita, sono riuscite a venir fuori alla distanza affidandosi alla forza del loro collettivo e alla buona alternanza in attacco delle proprie atlete. Peccato per il finale di terzo set che avrebbe potuto aprire invece scenari diversi, con la COIM che dopo aver annullato ben dieci palle set non è riuscita a portare la partita ai vantaggi.

C’è la giovanissima Irene D’Ambrosio, classe ’97, a completare l’organico di oggi della COIM. Per la giovane schiacciatrice di Molinara (BN) si tratta della prima convocazione assoluta in Serie B2. Anche la CAV arriva a Benevento al gran completo.

Partenza sprint per le giallorosse, il sestetto di Ruscello aggredisce subito il campo con cattiveria e grande intensità. Ferrone è un’autentica furia, Delli Quadri scatenata (saranno ben 8 i suoi punti nel set), Dell’Ermo una piovra. 7-0 COIM, inizio da sogno per le padrone di casa, da incubo per le pugliesi. E’ una parallela out dell’opposto Di Carlo a mandare le squadre al riposo sull’8-3 in favore delle beneventane, assolutamente più pimpanti. Le ospiti gialloblu sembrano sorprese da così tanta veemenza e non riescono a venirne fuori. Siamo 13-5 quando il tecnico Drago spende anche il secondo time out discrezionale a sua disposizione, non c’è storia, c’è solo la COIM in campo. Le giallorosse hanno in mano il set ma subiscono nel finale il primo e unico acuto della CAV che con quattro punti consecutivi arriva al 13-19. Primo time out Accademia che riordina le idee e riprende la sua marcia fino all’agevole 25-16.

Inizia la riscossa della CAV, merito soprattutto di Alfieri che inizia a velocizzare per la prima volta dall’inizio del match il gioco con i suoi attaccanti. È Martilotti a suonare la carica con una serie di diagonali potenti e precisi, la COIM diventa fallosa ed è costretta ad inseguire. 5-8 prima, 8-12 poi. Nelle ospiti sale di tono anche Di Carlo e per la COIM son dolori. Lo svantaggio aumenta, poi lo splendido uno-due firmato Principe-Delli Quadri ristabilisce le distanze. Si va al riposo con le pugliesi avanti 16-12. La partita diventa bellissima, si susseguono azioni lunghe e spettacolari degne di due squadre che dimostrano ampiamente di meritare la rispettiva posizione di classifica. Il tecnico beneventano getta nella mischia De Cristofaro per provare a ricucire lo svantaggio. La CAV è brava a tenere i nervi saldi e a gestire il seppur cospicuo margine accumulato per poi allungare con merito nel finale. 25-19 e squadre di nuovo in parità.

La CAV dimostra di aver superato brillantemente le difficoltà iniziali e parte forte anche in questo parziale. Il sestetto gialloblu sembra trasformato rispetto all’immagine sbiadita di inizio gara e vola sull’8-3. La COIM è in difficoltà, la sola Delli Quadri non basta a tenere vivo il sestetto di casa. Gli attaccanti giallorossi trovano infatti un muro invalicabile da superare e non riescono a difendere con la stessa continuità le avversarie salite invece notevolmente di rendimento. Cerignola è saldamente padrona del campo anche al secondo time out tecnico che le vede in vantaggio 16-7. Ed è un assoluto monologo gialloblu quello va in scena fino al 24-13. La COIM ha una fiammata d’orgoglio, Mezzapesa con un tocco di seconda intenzione spezza il lungo filotto avversario e con un turno al servizio davvero ficcante dà il là ad un incredibile quanto inatteso break di 10-0 che porta fino al 23-24. Le giallorosse hanno con Ferrone anche la palla del pareggio, ma poi una grossa ingenuità in appoggio impedisce loro di completare la clamorosa rimonta. 25-23 e Cerignola che esulta dopo aver visto gli spettri.

Per la prima volta in stagione la COIM si vede costretta ad inseguire le avversarie tra la mura amiche. Non era mai successo infatti in tutte le sette precedenti uscite che le beneventane si fossero trovate sotto di un set. La partita vive una fase di stanca per tutto l’inizio del quarto set, equilibrio sostanziale e squadre che tirano il fiato in attesa del rush finale. A metà parziale il punteggio dice 16-15. Sale nuovamente in cattedra Martilotti che con tre punti consecutivi porta la sua squadra al +2, ma un tocco felpato della solita Delli Quadri riporta di nuovo le squadre al pareggio. Si imbocca il rettilineo finale. Cerignola è più rapido a scattare e la COIM si lascia sorprendere. Stavolta le gialloblu non abbassano la guardia come accaduto in precedenza e non regalano più nulla. E’ Annese a firmare il 25-19 che vale la vittoria.

Riesce così al Cerignola l’impresa di sbancare per la prima volta in stagione il Mario Parente di Benevento, le pugliesi, ad eccezione del primo set, ripetono la grande prova dell’andata e fanno proprio lo scontro diretto che le lancia in chiave promozione.

La sconfitta non toglie però il merito della COIM per aver giocato una partita di ottimo livello e che, seppur pesa in chiave play off con la zona promozione adesso di nuovo lontana sei lunghezze, lascia tante certezze sul futuro in campionato delle beneventane.

Adesso si torna in trasferta, sabato prossimo infatti è prevista la gara a Torre Annunziata contro la Fiamma Torrese per ripartire e confermare i segnali positivi visti anche oggi.

 

Il tabellino della gara:

 

Accademia Volley: Mezzapesa 6, Ferrone 17, Principe (K) 16, Dell’Ermo 5, Morgia 4, Delli Quadri 21, De Cristofaro 5, Napolitano ne, Favino (L), Cona (L) ne, D’Ambrosio ne, Varricchio ne, Pedicini ne. All. V. Ruscello, Vice All. A. Poccetti.

 

Libera Virtus Cerignola: Tralli 9, Valecce, Annese (K) 15, Tribuzio (L), Di Carlo 19, Alfieri 1, Piemontese 7, Pellegrino ne, Martilotti 16, Iasparro ne, De Meo ne. All. M. Drago

 

www.accademiavolley.it