CONDIVIDI

image
Sesta giornata del campionato di serie D, volley femminile girone D e il New Volley Scisciano capitola per 3 set ad 1 ad opera della corazzata Phoenix Caivono, seconda forza del girone D, dietro la capolista Sportland Montesarchio.
Si sveglia troppo tardi la compagine di mister Ambrosio, aggiudicandosi solo il terzo set, ma completamente in balia del forte e ambizioso avversario nei primi due e in buona parte dell’incontro, mettendo in evidenza, ancora una volta, forti limiti caratteriali nell’approccio alla gara, oltre ad uno strisciante ed incomprensibile nervosismo durante tutto l’arco del match.
Letale la partenza delle ragazze di mister Guerra. Ottima l’organizzazione di gioco sia in fase di ricezione che nella devastante azione d’attacco, con le centrali Orefice e Gala, il prezioso apporto delll’opposta Di Giuseppe e i decisivi movimenti e sincronismi di gioco dei due laterali, Reynaud e Cuttaia. Irriconoscibili, invece, le vespe sciscianesi con la Campana e la Lippelli sotto i loro standard di rendimento abituali, male anche la Maglio in fase di impostazione e la rientrante Serpico. Le padroni di casa si aggiudicano il primo set per 25 a 15, in 11’ e 01’’. Ancora più determinata la Phoenix Caivano nel secondo set. Orefice e Gala mettono a segno schiacciate a ripetizione, servite dall’ottimo lavoro in fase di palleggio della Di Gioia. In soli 8’ e 13’’ le ragazze di mister Guerra si sbarazzano di un apatico avversario con il punteggio di 25 a 10. Nel terzo set, si risveglia dal letargo il New Volley Scisciano, cambiando completamente l’approccio alla partita. La Sgueglia, oggi migliore in campo, da la scossa decisiva ed in campo, tra le file sciscianesi si intravede anche qualche buona trama di gioco. Le due giovani centrale, Di Matteo ed Esposito, iniziano finalmente a scardinare il muro avversario con ottime bordate andate a bersaglio. Equilibrio fino alla fase finale del set, quando sul 23 a 23, colpo di coda della giovane Di Matteo che estrae dal cilindro i due punti decisivi. Il terzo set va a favore delle vespe, dunque, per 25 a 23 in 11’ e 52’’. Il quarto e ultimo set sembra il preludio ad un match diverso per le sciscianesi, ma è solo una pia illusione. La Phoenix Caivano, riprende a macinare gioco e punti, mettendo in mostra anche una perfetta fase difensiva con l’interessante libero Giuliano che assicura alla propria squadra, equilibrio tra i reparti, occupando con arguta intelligenza tattica, i giusti spazi del rettangolo di gioco. Il quarto set si conclude con il punteggio di 25 a 20 per la Phoenix Caivano che di aggiudica il match casalingo, contro una diretta avversaria nei quartieri alti della classifica, agguantando, così, la seconda posizione. Dopo la sconfitta di oggi, il New Volley Scisciano ha l’obbligo di difendere la quarta posizione e la partita di domenica, al Palazzetto di San Vitaliano, con il Benevento Volley, appena un punto sotto in classifica, sarà certamente la cosiddetta prova del nove.

I set: 25-15(PC); II set: 25-10(PC); III set: 23-25(NVS); IV set: 25-20(PC).

Phoenix Caivano: 2)Orefice.6)Gala.5)Di Gioia.19)Di Giuseppe.22)Reynaud.12)Cuttaia.15)Giuliano.3)Pulone.27)Beloni.16)Autieri.7)Raffa.13)Scarceni. – 1° allenatore: Raffaele Guerra\2° allenatore: Francesco Dell’Aversana.

New Volley Scisciano: 14)Maglio.11)campana.3)Lippelli.6)Sgueglia.7)Di Matteo.2)Montagna.13)Esposito.21)Maritato.25)Zuppa. Allenatore: Pasquale Ambrosio.

Arbitro: Fabrizio Pratticò sez. Napoli.
La voce dei protagonisti. A muso duro ai nostri taccuini, mister Pasquale Ambrosio:” Questa sconfitta è figlia sostanzialmente dei nostri limiti attuali: deconcentrazione e incapacità di gestire il match. Non è ammissibile regalare due set ad un avversario del calibro della Phoenix Caivano e svegliarsi soltanto al terzo set. Con questo atteggiamento non saremo mai in grado di ambire a posizioni di alta classifica”.
Subito dopo il match, un soddisfatto mister Raffaele Guerra:” Abbiamo giocato molto bene nei primi due set, poi ci siamo seduti consentendo al New Volley Scisciano di rientrare in partita. Credo sia necessario lavorare molto sull’aspetto della concentrazione, per evitare questi cali di tensione che sono molto pericolosi. Sono, comunque, soddisfatto della prestazione delle mie ragazze, anche se dobbiamo migliorare ancora tanto il nostro gioco, assimilando prima possibile, meccanismi tattici non ancora perfetti”.

Raffaele Ariola