CONDIVIDI

Italvolley
ITALIA-GERMANIA  2-3 (19-25, 22-25, 23-25, 25-20, 17-15)
ITALIA: Birarelli 7, Travica 1, Lanza 5, Buti 5, Vettori 2, Zaytsev 14; Rossini (L), Anzani 3, Sabbi 11, Parodi 15, Piano 5, Baranowicz 1, Colaci (L), Randazzo 6. All. Berruto
GERMANIA: Kampa 3, Kaliberda 8, Bohme 5, Grozer 21, Schwarz 12, Gunthor 4; Tille (L); M. Steuerdwal (L); Kuhner 1, Westphal 5, Fromm 6, Andrei 7, Zimmerman,  Schops 6, Broshog 1. All. Heynen
ARBITRI: Piubelli e Tomasi
NOTE – Spettatori 1000. Durata set: 23’, 27’, 26’, 25’, 16’.
Italia: bs 18, a 5, mv 11, er 13.
Germania: bs 22, a 8, mv 13, er 9.
Trento. L’Italia cede ancora alla Germania al termine della seconda sfida con la Germania. Gli Azzurri hanno perduto i primi tre set, poi sono cresciuti di rendimento ed hanno vinto il  quarto e il quinto (i due tecnici si erano accordati anticipatamente di giocare cinque parziali).
Mauro Berruto, che dopo la lunga preparazione ha utilizzato le due gare con i tedeschi per ruotare i suoi atleti e fare più di un esperimento, ha iniziato la partita riportando Ivan Zaytsev in coppia con Lanza nel reparto dei martelli ed inserendo Luca Vettori sulla diagonale di Travica. Nel secondo set spazio a Giulio Sabbi al posto di Vettori. Dal terzo ritorno alla normalità con Parodi martello con Lanza, Zaytsev opposto al regista, Piano e Birarelli al centro. Poi nel quarto e nel quinto in campo la diagonale Baranowicz e Sabbi, e molti cambi negli altri reparti.
L’Italia ha mostrato cose buone, ma anche qualcosa da correggere. Il ritorno di Zaytsev in ricezione, accompagnato da alcuni accorgimenti tattici ha permesso di vedere la buona condizione del futuro attaccante della Dinamo Mosca. in campo tedesco Grozer è stato ancora una volta l’uomo più difficile da controllare, come dimostrano i 21 punti realizzati nella prima parte della gara.
L’Italia tornerà in campo tra sette giorni contro la Serbia, nella prima sfida del triangolare con i transadriatici e il Brasile. Gli azzurri giocheranno con la Serbia a Cavalese alle 20 del 24 agosto, il giorno seguente, sempre nella località che ha ospitato la preparazione azzurra, alla stessa ora si giocherà Brasile-Serbia. Martedì 26 a Trento il gran finale contro verdeoro. Il 29 la partenza per la Polonia due giorni prima dell’esordio Mondiale.

PALLAVOLO COMUNICATO FEDERALE DEL 17 agosto 2014 a cura dell’ufficio stampa Fipav