CONDIVIDI

jomi salerno

Nel festival degli errori alla fine canta meglio Teramo che di misura sbanca la Palumbo e balza al comando della classifica della poule scudetto capitalizzando il passo falso del Conversano a Cassano. Clamoroso il harahiri della Jomi che, in vantaggio per tutta la gara, non ha saputo sferrare il colpo del ko quando poteva e quando doveva, dando un vantaggio psicologico di non poco conto alle avversarie abruzzesi brave a restare sempre in partita nonostante i tanti errori tecnici commessi in attacco. A fare la differenza è stata così la solita Palarie autrice di 12 realizzazioni, puntuale e pungente come nei giorni migliori. Male la Jomi, a corrente alterna, confusa e confusionaria nei momenti topici del confronto, pasticciona e imprecisa nella ricerca delle soluzioni e nelle conclusioni. Un passo falso, inatteso, che complica terribilmente la marcia delle salernitane attese, sabato, dal match di Conversano.

 

JOMI SALERNO-TERAMO (13-11) 21-22

 

Jomi Salerno: Trombetta 3, Avram 2, Coppola 1, Lamberti 1, Iacovello, Pavlyk 6 , Ferrentino, Benincasa 2, Lauretti, Casale, Lambiase, Jokanovic 6 . All: Giovanni Nasta

Teramo: Savoca, Canessa B. 1, De Uriarte , Palarie 12 , Gioia 1 , Canzio, Stangoni, Stettler 2, Di Marcantonio, Canessa D. 3,Covaci , Bassanese 2, Pastor 1 .

All: Settimio Massotti

 

 

Arbitri: SIMONE – MONITILLO