CONDIVIDI

image

 Sant’Anastasia torneo di Torball tra Real Vesuviana Avellino e Campobasso.

Si é svolto presso la Palestra de Rosa, in via Regina Margherita, un torneo di Torball, una disciplina praticata dai non vedenti e dagli ipovedenti.

Il torball, una disciplina per i non vedenti, tra le più diffuse, anche se non é ancora una disciplina paraolimpica ma vanta comunque  una grande partecipazione di atleti ed é regolata dalla Fispic.

L’obiettivo del gioco é di realizzare un gol in una porta alta 1 metro e trenta e larga come il campo,  lanciando un pallone sferico sonoro, al cui interno sono presenti dei campanelli, facendo passare la sfera sotto tre cordicelle tese dotate di campanelli.  Se la sfera tocca la cordicella, la squadra viene punita con un fallo e con l’uscita momentanea del giocatore che ha effettuato il tiro. Il gioco prevede due tempi di 10 minuti e si aggiudica la gara la squadra che ha totalizzato il maggior numero di gol. Ogni squadra é composta da tre giocatori in campo e tre in panchina, e gli atleti sul terreno di gioco, si muovono intorno ad alcuni tappetini posizionati a terra per dare orientamento e posizione al giocatore.

Il torneo amichevole, che anticipa di una settimana l’inizio del Campionato che partirà sabato 13 e domenica 14 a L’Aquila, é stato organizzato e vinto dall’Asd Real Vesuviana. I padroni di casa, si sono confrontati con Avellino e Campobasso aggiudicandosi la vittoria del torneo.

Il torneo amichevole, arbitrato da arbitri della Fispic, é stata infatti vinto dalla Real Vesuviana . La squadra di casa, ha totalizzato 9 punti, frutto di tre vittorie nelle doppie sfide  con Campobasso e Avellino. Secondo posto per Campobasso con 6 punti, terza Avellino con tre punti.

Un buon auspicio per la societá vesuviana che si propone di vincere il campionato di serie B maschile per approdare alla serie A.

Ecco a fine gara, ai microfoni del Mediano Sport, il commento dei protagonisti in campo:

[youtube url=”www.youtube.com/watch?v=OZoAUoTkppI&feature=youtu.be” width=”560″ height=”315″]

 

Roberto Sica