CONDIVIDI

Il campione del mondo, da Barcellona a Furore, è primo sul podio a Furore dell’High Diving Championship

1

E’ Orlando Duque il vincitore della 28° edizione del Marmeeting di Furore, con un punteggio di 401,70. Campione del mondo a Barcellona 2013, veterano del Marmeeting, Duque trionfa all’High Diving Championship con il primo posto sul podio per la Coppa del Mediterraneo. I festeggiamenti finali si sono svolti sulla spiaggia del fiordo naturale di Furore, tra brindisi con i vini San Salvatore 1988 e tra i premi anche i bracciali BJ81.

3

“Un’esperienza come sempre entusiasmante – commenta Oreste Varese, presidente dell’associazione Marmeeting – spettacolo grandioso, ottimo anche il risultato dell’italiano in gara, Alessandro De Rose classe 95 giunto al settimo posto. Al primo posto dunque il campione del mondo Duque, a seguire Gary Hunt con un punteggio di 388,85 e Steven Lobue con 382,05”.

Ma ricordiamo i numeri della 28° edizione del Marmeeting di Furore, con 16 atleti in gara con tuffi acrobatici da 28 metri di altezza, appunto da un trampolino creato ad hoc sul ponte del fiordo naturale. Suggestivo l’evento ma anche la location, che sarà presentata su Linea Blu quest’estate e che in termini sportivi ha avuto oggi la presenza delle telecamere di RaiSport2 e la cronaca in diretta di Gianfranco Coppola. In contemporanea per il pubblico l’evento è stato raccontato dal giornalista Bruno Vesica di La7. Grande la partecipazione in spiaggia, sul ponte e via mare, anche grande al supporto del team di professionisti di B- Rent liberi di guidare, Gruppo Battellieri di Amalfi e Luise Associates.

Ma il Marmeeting non termina qui, continuano infatti le tappe nei prossimi giorni con lo sport, in primo luogo con visite guidate e trekking lungo la costiera e il prossimo week end con l’acqua trail tra Furore e Agerola.

“Inoltre al fiordo naturale – conclude Raffaele Ferraioli, Sindaco di Furore – l’artista Cascella ha inaugurato una mostra di 32 opere con una rassegna dedicata al fiordo”.

 

Ufficio Stampa a cura di Luisa Del Sorbo