CONDIVIDI

La mia sul Napoli – Rubrica a cura di Crescenzo Tortora

lamiasulnapoli

Atmosfera strana al San Paolo. Stadio mezzo vuoto, curve silenziose, che si fanno sentire solo a tratti, la curva A esibisce lo striscione “Curva (A) Napoli” rovesciato, i distinti, dove eravamo noi, più partecipi. Il Napoli parte bene, abbiamo pensato che dopo il 2-0 la partita si avviasse verso un percorso tranquillo. Koulibaly incornava e segnava sul calcio d’angolo, non ci succede spesso, e Zapata giocava alla grande e segnava, non facendo rimpiangere il titolarissimo Higuain. Ma la partita si è complicata. Ci segnano 2 gol, uno sul solito calcio piazzato e l’altro su azione con passaggio in diagonale dalla destra. Il gol nel finale di tempo ci rasserena. Al gol ho lanciato la felpa sul sediolino e schieffeggiato più volte il mio amico sul petto, finalmente il Napoli negli ultimi secondi di un tempo ci crede, e va a segno. Il secondo tempo è più sottotono, ci facciamo segnare, questa volta con cross teso dalla sinistra. Migliori in campo Koulibaly (nonostante qualche incertezza), Gargano (grande cuore, assist sul gol di Callejon e meritati i tanti applausi) e Zapata (scelta giusta, addomestica tanti palloni, segna e si fuma gli avversari sullo scatto). Hamsik bene. Callejon sempre pronto a metterla dentro. Inler e Albiol neutri. Mertens sottotono. Male i 2 terzini, soprattutto Ghoulam. Rafael non ha grosse colpe sui gol, ma spesso non esce sulle palle alte, non è certamente Reina. Le sostituzioni sono inefficaci, Higuain fa poco e niente, Insigne prova qualche cosa, ma ha poco tempo, De Guzman ancora nullo.

Passi il gol dal calcio d’angolo. Ma i 2 gol presi grazie a cross dalle 2 fasce sono imperdonabili. I ragazzi e il mister dovranno ancora lavorarci tanto. Finirà questo periodo nero? La cosa certa è che le altre vanno come delle Ferrari – Juve e Roma sono a punteggio pieno – noi come un maggiolone. Quando ritorneremo ad essere come Herbie, il maggiolone tutto matto, e vincere la corsa con le Ferrari? E questo accadrà?

La mia sul Napoli – Rubrica a cura di Crescenzo Tortora

Napoli – Palermo 3 – 3. C’è tanto da lavorare sulla fase difensiva.