CONDIVIDI

Ascarelli: chi era costui? A molti questo nome, anzi, questo cognome non dice molto. Eppure è stato il primo presidente del Napoli. In realtà era già a capo dell’Internaples. Ma il 1°agosto del 1926 decise di rinominare la società in Associazione Calcio Napoli.

NAZIONAL-POPOLARE-Come mai questa scelta così nazionalista? Beh, il motivo non è poi così misterioso. Da 4 anni al potere c’era Mussolini e il duce non amava troppo gli anglicismi. Poi Internaples ricordava troppo per assonanza l’Internazionale comunista. Insomma, lo scaltro Ascarelli capì in fretta come stavano le cose e si adeguò.

LA CRESCITA- La sua creatura sportiva crebbe: sotto il nome “Napoli” si riunirono tutte le squadre calcistiche presenti in città. Il resto lo fece il denaro. Parecchio denaro. Ascarelli investì tanto e nel giro di pochi anni il Napoli si ritrovò a giocare nella massima serie. E nel 1930 inaugurò anche il nuovo stadio “Vesuvio”.

LA MORTE-Tuttavia il presidente morì appena 17 giorni dopo l’inaugurazione del complesso sportivo che fu ribattezzato “Ascarelli” in suo onore. Quattro anni dopo ospitò anche alcune partite della Coppa del Mondo ’34.