CONDIVIDI

A qualcuno ricordava Thuram. Zeman, invece, lo trattò come impiegato lavativo del settore pubblico. Questa è la storia di Rabiu Afolabi, alias mister zero. Zero come i gol segnati, zero come i minuti giocati. Eppure, nell’estate del 2000 sembrava l’acquisto ideale per puntellare la difesa di un Napoli appena tornato in Serie A. Almeno così la pensava il ds Pavarese. I fatti e Zeman lo smentirono.

LA CITAZIONE-Fisico imponente, 184 cm per 75kg, il nigeriano Afolabi fu acquistato dallo Standard Liegi. Aveva 20 anni ed era alla prima grande esperienza in un campionato competitivo come quello italiano. Beh, Afolabi si presentò alla grande. Trovò il modo di fare breccia nel cuore dei tifosi napoletani. Come? Semplice, citando il D10s adorato all’ombra del Vesuvio: «Seguivo in tv Maradona e Careca, in Italia voglia affermarmi e rimanere a lungo».

IL PENSIONATO- In realtà non riuscì nè ad affermarsi, nè a rimanere a lungo. L’indifferenza del Boemo verso i difensori c’entrava poco. A conti fatti Afolabi non brillava in allenamento. Si distingueva per la sua lentezza non sostenuta da una tecnica decorosa. Zeman ci mise poco ad accorgersene. Ma forse ci sarebbe passato sopra se avesse intravisto almeno l’impegno. Invece niente. Afolabi sembrava uno sfaticato. Addirittura Zeman lo stroncò e disse:”Penso che un pensionato abbia più capacità atletiche di Afolabi». Verità o leggenda? Forse è un’altra di quelle massime attribuite al Boemo. Ma una cosa è certa: Afolabi non vide mai il campo. E anche quando Mondonico sostituì Zeman le cose non cambiarono.

IL RITORNO- A fine stagione il Napoli retrocesse e Afolabi fu rispedito al mittente. A differenza di tanti altri “bidoni” che non si sono ripresi più dopo l’esperienza al Napoli, Afolabi ha avuto un prosieguo di carriera di tutto rispetto. Nulla di eccezionale, sia chiaro, ma il nigeriano ha saputo ritagliarsi uno spazio tra Ligue One (Sochaux e Monaco) e Bundesliga austriaca (Salisburgo e Austria Vienna). Ora ha appeso gli scarpini al chiodo ed è diventato un pensionato. A tutti gli effetti.