CONDIVIDI

'Immagina se il tempo fosse un gambero'

la Compagnia Megaride

presenta

‘Immagina se il tempo fosse un gambero’

In scena il nuovo spettacolo “Immagina se il tempo fosse un gambero” della Compagnia Megaride. Due serate, 14 e 15 maggio, a partire dalle ore 21,00 da vivere presso il Teatro Il Piccolo a Piazzale Tecchio, Fuorigrotta. Si tratta del secondo lavoro della giovane Compagnia Megaride dopo il successo del musical “Le assassine di Chicago” del marzo 2013, commedia musicale ambientata nell’America degli anni Venti.

“La Compagnia Megaride nasce, nel mio immaginario, nell’estate del 2012 – racconta la regista Stefania Sivero – e prende realmente forma pochi mesi dopo portando al debutto ‘Le assassine di Chicago’ nel marzo 2013. Originariamente composta da 13 persone tra ballerini, attori e cantanti, la Compagnia ha riscosso un gradito successo che ci ha spinti a voler continuare e a volerci misurare con una commedia musicale di Garinei e Giovannini portata in scena nel 1986 da Enrico Montesano e Nancy Brilli: ‘Se il tempo fosse un gambero’”.

La compagnia è ad oggi composta da : Davide Scotellaro, (Napoletani a Brodway con Carlo Buccirosso), Stefania Sivero, Maria Rosaria Chiaro, Gennaro Di Finizio, Davide Esposito, Anna Mesia Schiavone, Irene Vollero, Alessandro Puccinelli, Antonio Spatuzzi, Federica Drudi, Alessandra Fario, Marta Fario, Federica Nunziata.

“Il nostro intento – racconta ancora Stefania Sivero – oltre a quello di far divertire il pubblico, è quello di mostrare come un gruppo di giovanissimi, a differenza di quel che si dice, cerca di rimboccarsi le maniche e di tirar su in totale autonomia e autofinanziamento, con arte e senza parte, uno spettacolo che sia gradito e professionale; di dimostrare ovvero che la nostra città è ricca di artisti con passione e talento che cercano di costruirsi strade ed occasioni. Di certo non è stato facile coordinare 13 persone ognuna con le proprie esigenze, le proprie vite, tra chi studia attualmente e chi insegna; ma la volontà di stare insieme e di arrivare al pubblico ha superato ancora una volta ogni scoglio. Io mi sono occupata della regia e delle coreografie cercando di prendere insegnamento dalle mie precedenti esperienze teatrali tra cui: il musical Sangue Vivo, Viviani la nuit, Varietà (regia di Mario Aterrano), Eduardo al Kursaal (regia di Armando Pugliese con Francesco Paolantoni), Ogni scommessa è debito (regia di Davide Aiello e Francesco Adamo)”.

Trama di ‘Immagina se il tempo fosse un gambero’

La commedia comincia nel 1988 quando una vecchina di 80 anni, Adelina, interpretata da Stefania Sivero, esprime il desiderio di tornare giovane per accettare le avance del principe polacco Poniatowskij, interpretato da Davide Esposito, al quale 60 anni prima aveva detto di no. Ecco che il maligno, udita la sua richiesta, invia sulla Terra un diavolo, interpretato dall’ eclettico Davide Scotellaro, per riportarla indietro nel tempo, e farle accettare il matrimonio di interesse per consegnare la sua anima agli inferi. Nella sua missione tuttavia non mancheranno colpi di scena ed imprevisti, alle prese anche con Sora Lalla, la madre di Adelina interpretata da Maria Rosaria Chiaro , e Sora Cleofe interpretata da Gennaro di Finizio. Riuscirà il nostro diavolo nel suo intento?

 

Comunicato Stampa