CONDIVIDI
San Paolo Champions (Foto: web)

Roberto Sica - Marassi

Come al solito sarà il San Paolo a decidere le sorti del Napoli. A Oporto, allo stadio Dragao,  i padroni di casa del Porto si aggiudicano il match di andata. Uno a zero con gol del tanto corteggiato J. Martinez, un giocatore che in estate è stato ad un passo dal Napoli e questa sera ha deciso il match di andata degli ottavi di Europa League. Eppure il Napoli non ha demeritato. Dopo un avvio di marca portoghese, con gli azzurri che hanno atteso la squadra di casa, salvandosi in un paio di occasioni grazie al solito Pepe Reina, autore di una grande parata proprio su Jackson Martinez dopo 12 minuti di gioco, nel finale di tempo la squadra di Benitez ha alzato il baricentro rendendosi pericolosa più volte e provando a impensierire i lusitani, sempre attenti e ben organizzati.

Nella ripresa gara più viva e combattuta con il Napoli più volte pericoloso e vicino al vantaggio.

Al 52′ Napoli  gli azzurri sfiorano il gol  con Higuain che ben servito in area da Callejon prova a superare Helton con un gran destro deviato in angolo in maniera fortunosa dal portiere del Porto con i piedi.  Una fase di gioco concitata con il Napoli che sfiora ancora per  due volte il gol in pochi minuti : prima con un colpo di testa di Albiol, sul quale è bravo a respingere Helton, e poi ancora con Higuain che tira in porta a botta sicura trovando la respinta di Helton sulla quale non riesce a trovare il tap-in vincente Callejon, tutto solo davanti alla porta.

Ma il calcio è sempre imprevedibile, e così, nel miglior momento degli azzurri, a passare è il Porto: è il minuto 57′: su azione di calcio d’angolo, Ghoulam respinge di testa ma il pallone viene raccolto da J. Martinez che in mischia, con una girata trova l’angolo e insacca il gol dell’1-0.

Il Napoli si ritrova sotto a mezz’ora dal termine e cerca di riequilibrare la partita, ma la buona organizzazione dei portoghesi, e la poca fortuna del Napoli vedono sfumare le occasioni create dai partenopei che nel finale non riescono a pareggiare il conto dei gol.

A nulla servono le sostituzioni nel finale di gara operate da Benitez, che manda in campo Mertens, Pandev e Duvan al posto di un Marek Hamsik sotto, Callejon e Higuain.  Dopo un palo del Porto che ha l’occasione per chiudere definitivamente la gara, nei minuti finali gli azzurri sono ancora sfortunati e il neo entrato Duvan fallisce da pochi passi due buone occasioni, prima trovando un salvataggio sulla linea di Maicon, e poi a tempo scaduto, cercando una scivolata con il pallone che termina a lato dopo un buon cross di Pandev dalla sinistra.

Finisce così 1-0 per il Porto. Ancora una volta la squadra di Benitez dovrà giocarsi il passaggio del turno tra le mura amiche del San Paolo. Tra una settimana i portoghesi sono attesi nella bolgia del San Paolo, la qualificazione diventa impresa non facile e sarà necessario vincere con almeno due gol di scarto… ma con la spinta del San Paolo… sarà tutta un’altra musica!!!

Roberto Sica