CONDIVIDI

Preambolo. La fisica di Newton ci dice che un pianeta che ruota intorno ad una stella (come il Sole) avrà una velocità che diminuirà all’aumentare della distanza dalla stella, e cioè Mercurio effettuerà una rotazione completa intorno al Sole più velocemente di Giove o Nettuno. Accade qualcosa di simile nelle galassie, dove le stelle più esterne dovrebbero ruotare meno velocemente di stelle che si trovano al centro. In realtà accade che spesso non lo facciano. Infatti le stelle più esterne delle galassie hanno velocità sostenute. Si parla di missing mass problem, e cioè problema della massa mancante, appunto perché sembrerebbe che ci sia una massa che non emette luce, che sostiene il moto di queste stelle. Gli astronomi hanno ipotizzato l’esistenza della cosiddetta materia oscura. Una serie di osservazioni hanno dimostrato che questa componente di materia oscura rappresenti ben l’80% di tutta la materia nell’Universo. Il Napoli ha un problema di massa mancante, gli manca la consapevolezza di se stesso, si è perso, e bisogna che ritrovi la propria identità.

copertina_Torino-NapoliLa Partita. E’ il turno del Torino dell’ex e scaltro Mazzarri. L’obiettivo dei granata è ovviamente rallentare il più possibile gli azzurri, e sfruttare il momento di confusione della squadra di Ancelotti. Il Napoli si propone con un 4-1-4-1, Lozano è esterno, gioca dove può esprimersi meglio, l’idea è buona, anche per favorire gli inserimenti di Fabian. Si assiste a qualche scambio positivo, buona anche la pressione in alcuni frangenti, bene la difesa, bene Fabian e Allan, ma nulla di più. Nel secondo tempo va anche peggio, per lunghi tratti il Napoli non riesce ad uscire dalla propria metà campo. Nemmeno il tentativo di riaccendere la luce con Callejon e Llorente funziona. Si confida in Llorente, che fa compagnia agli errori di Milik con il Genk, se sbaglia anche Llorente stiamo messi male. Lenti, molli, secondi sulle palle, col piedino corto, manca la convinzione, manca anche la precisione e la qualità in fase realizzativa. Finiscono in difficoltà anche Allan e Fabian, bene di Lorenzo e Meret, la difesa si comporta bene, ma davanti il gol è un lontano ricordo, nonostante l’inutile possesso palla.

Conclusioni. C’è un problema di massa mancante. Ma cos’è questa massa nel caso del Napoli? Non è chiaro, non si capisce quale sia il problema, o quantomeno io non riesco a capirlo. Cosa manca? Non chiedetemelo, perché non si può pensare che una squadra con quei valori si riduca a fare queste figuracce con Genk e Torino. Il periodo è nero, giusto proteggere i suoi, ma Ancelotti ci deve mettere del suo, deve mettere mano in campo, spronarli, correggerli, cercare la massa mancante. Nelle galassie i più pensano che la risposta sia la materia oscura, qualcun altro pensa invece che su quelle scale galattiche la fisica di Newton non sia più valida, proponendo teorie alternative. Cosa manca? Ancelotti, materia oscura o cos’altro?

La mia sul Napoli

Seguitemi anche su Astrofisica in 1 minuto.