CONDIVIDI

copertina

Una serata in onore dei poeti e scrittori di Somma Vesuviana. L’omaggio è andato in scena venerdì sera a San Gennaro Vesuviano in occasione della 403esima edizione della Fiera Vesuviana.

Un piccolo saggio a cura dell’Associazione Culturale Vesuvian Book and Arts e dell’Archivio Storico Città di Somma Vesuviana che omaggia la poesia vesuviana con un viaggio nella vita e nelle opere di nove personaggi del panorama culturale di Somma Vesuviana raccontandone curiosità e aneddoti: Gennaro Ammendola, Gino Auriemma, Gaetano Arfè, Raffaele D’Avino, Giorgio Cocozza, Natale Pellegrino, Alberto Angrisani, Ciro Romano e Salvatore Sica.

Il via alla serata alle ore  19:00 presso il Teatro del Quartiere Fieristico. Tanti gli ospiti presenti che hanno preso parte alla manifestazione che ha visto la presentazione del piccolo saggio «gioiello» curato da Alessandro Masulli, responsabile dell’archivio storico cittadino «Giorgio Cocozza» L’opera, «Omaggio a poeti e scrittori di Somma Vesuviana», è stata realizzata con il patrocinio del Comune.

Progetto grafico, impaginazione, revisione e collaborazione a cura di Anna Rita Auriemma e Antonio Gorini per un saggio che attraverso i suoi protagonisti racconta la storia di Somma Vesuviana, una terra che ha ospitato re, regine, principi e illustri intellettuali di tutti i tempi, così come sottolineato dall’intervento del Sindaco Pasquale Piccolo, presente alla manifestazione insieme all’Assessore agli eventi Luigi Coppola.

Dopo un momento musicale iniziale con il gruppo folk Zì Riccardo e le donne della Tammorra, inizia la presentazione del volumetto con la lettura della biografia ed un componimento poetico, o uno scritto di ogni scrittore.

Si parte dal poeta Gennaro Ammendola,  autore di tre raccolte poetiche ( “Prime Armonie”, Poesie e “I posti del vicolo cieco”) e del libro Ed è il tempo, raccolta di poesie scritte da due generazioni di poesie e mezzo. A seguire lo storico Alberto Angrisani, autore di raccolte poetiche e ispettore onorario dei monumenti e degli scavi locali celebrati nella sua opera «Brevi notizie storiche e demografiche intorno alla città di Somma». Tra gli scrittori Gaetano Arfè, senatore socialista e autore di molti scritti storici e politici tra cui la «Storia del Socialismo Italiano».

Tra i poeti  che celebrano la terra vesuviana c’è Gino Auriemma autore di una poesia pessimistica ma profondamente realista e compositore, insieme al musicista sommese Enrico Cecere della canzone “Muntagna e stu core”, intenso testo poetico che celebra con accenti di passione la nostra amata montagna.

Celebrati anche Giorgio Cocozza al quale è intitolato l’Archivio Storico cittadino, il poliedrico Raffaele D’Avino autore di una grande ricerca archeologica e noto per la pubblicazione dei 67 numeri della rivista “Summana” oltre ad una enorme produzione di grafici cui tutti hanno attinto e ancora Natale Pellegrino, autore di testi e canzoni in vernacolo tra cui “l’ Inno al Bambino Gesù”.

Infine, Ciro Romano, che ha raccontato «La Città di Somma Vesuviana attraverso la storia», e Salvatore Sica, valoroso magistrato della Corte dei Conti, autore del libro “Il bilancio e il suo controllo nel mondo” e “Dizionario Universale della finanza pubblica” e amante della poesia coltivata con merito e profondo amore.

Infine, il testo racconta il territorio di  Somma Vesuviana attraverso notizie storiche, le tradizioni, feste e i prodotti tipici, le ricchezze, i monumenti.

Non mancano i momenti musicali con gli interventi del baritono Alessandro Masulli accompagnato del pianista Salvatore Annunziata, e di Carmine Fiorillo (Casamale Folk) autore di uno straordinario canto “a fronna” che celebra il monte somma e “Mamma Schiavona”.

Al termine della serata gli interventi del Sindaco di Somma Vesuviana, il Sindaco di San Gennaro Vesuviano Antonio Russo e il Sindaco di Nola Geremia Biancardi con l’ufficiale passaggio di consegne della manifestazione da Somma a Nola. La prossima edizione 2017 racconterà la storia dei poeti nolani. Dal vesuvio all’agro nolano, per confermare e tramandare la ricchezza culturale del nostro territorio.

Ecco il servizio della serata a cura de “Il Mediano Webtv”:

[youtube url=”www.youtube.com/watch?v=O0qsllp5x4o&feature=share” width=”560″ height=”315″]