CONDIVIDI
Il WhoScored rating di Lorenzo Insigne (relativo alle 38 partite giocate dall'inizio della stagione 2015/2016) è graficato in funzione delle partite giocate. Il trend è determinato utilizzando una media mobile su 5 partite contigue (linee nere), mentre il WhoScored rating relativo alle singole partite viene mostrato nel riquadro in basso a sinistra (linea rossa). Vengono anche indicati due periodi (orientativamente indicati dagli ovali rossi) nei quali le performance del periodo di Insigne sono state al top.

Senza ombra di dubbio l’annata calcistica in corso, la stagione 2015/2016,  sarà la migliore mai giocata da Lorenzo Insigne. A 4 partite dalla fine è l’unico giocatore della Serie A in doppia cifra in termini di gol e assist, 12 gol e 10 assist. E non dimentichiamo il gol e l’assist in Europa League. Nella sua migliore stagione in Serie A (2012/2013), l’ultima di Mazzarri, si era fermato a 5 gol e 7 assist  in campionato, con molti meno minuti giocati (1752 contro i 2383 attuali). A lungo tra i primi nelle classifiche di alcuni indicatori statistici di importanti siti del settore (ad esempio leggi questi articoli: 1 e 2). Nella classifica del WhoScored rating (dove ci si limita ai soli giocatori con un numero di presenze maggiore del numero di presenze medie in Serie A), dopo essere stato a lungo tra i primissimi è ora alla sedicesima posizione con una valutazione di 7.28. In termini dello Squawka performance score normalizzato ai 90 minuti (tenendo conto dei soli giocatori con più di 17 partite giocate) è quinto con un punteggio di 42.3, Higuain è primo con 48.6.

Insigne non andrebbe discusso. Nonostante i numeri che ho elencato, sfortunatamente c’è ancora qualche tifoso che storce il naso, che gli preferisce Mertens, che non lo considera un giocatore all’altezza, ma i numeri sono a suo favore. E’ un dato di fatto che il suo andamento durante la stagione non sia stato continuo, ha alternato dei picchi corrispondenti a prestazioni superbe, a partite nella norma ed è andato calando nel corso della stagione, ed in particolar modo nelle ultime 10 partite. Cerchiamo di vedere in dettaglio l’andamento delle prestazioni di Insigne nel grafico in basso (vedi fine dell’articolo). Ho considerato il WhoScored Rating, che fornisce un voto oggettivo alle performance dei giocatori, per tutte le partite giocate dal magnifico. Ho usato una media mobile (running average in inglese) su 5 partite consecutive, per avere una informazione meno sensibile ai singoli exploit, e più fedele all’andamento in un periodo di poche settimane. Come è evidente dal grafico (curva nera), in media Insigne si è tenuto con valutazioni sopra il 7 per buona parte del campionato. Ha avuto un picco nelle prestazioni in corrispondenza delle partite Napoli-Juventus, Milan-Napoli e Napoli-Fiorentina, segnando 4 gol e servendo 1 assist. Era il periodo della coppia d’oro Higuain-Insigne, che iniziava a segnare una caterva di gol. Pur tenendosi a buoni livelli, le sue prestazioni vanno calando, fino a fine novembre, inizio dicembre. Nel mese di gennaio, Insigne vive un secondo picco di prestazioni eccellenti, fornendo un contributo quantitativo ai risultati della squadra. In questo secondo periodo d’oro il Napoli incontra Torino, Sassuolo, Sampdoria, Empoli e Lazio, sono tutte vittorie e Insigne non si ferma mai, è sempre presente sul cartellino, 3 gol e 5 assist. Nelle ultime 13 partite giocate, da Napoli-Carpi in poi le sue performance sono calate, solo 2 gol per lui, e un WhoScored Rating quasi sempre sotto il 7 (vedi curva rossa nel riquadro della figura, che mostra il WhoScored rating relativo ad ogni singola partita).

I numeri testimoniano un’indimenticabile stagione per Lorenzo Insigne, nonostante vada calando nel finale, con prestazioni meno importanti, forse perché le energie non sono quelle di inizio stagione e dell’inizio dell’anno solare? Ma quello che conta in questo momento è che questa stagione di Insigne si può ulteriormente impreziosire con un traguardo importante, fondamentale per tutta la squadra. Bisogna consumare le ultime energie in questo finale di stagione, che deve passare anche dai piedi di Insigne, che deve fare un ultimo sforzo con prestazioni decisive, per ottenere una posizione diretta in Champions League, pensando alla nazionale e agli europei!

Crescenzo Tortora

Il WhoScored rating di Lorenzo Insigne (relativo alle 38 partite giocate dall'inizio della stagione 2015/2016) è graficato in funzione delle partite giocate. Il trend è determinato utilizzando una media mobile su 5 partite contigue (linee nere), mentre il WhoScored rating relativo alle singole partite viene mostrato nel riquadro in basso a sinistra (linea rossa). Vengono anche indicati due periodi (orientativamente indicati dagli ovali rossi) nei quali le performance del periodo di Insigne sono state al top.
Il WhoScored rating di Lorenzo Insigne (relativo alle 38 partite giocate dall’inizio della stagione 2015/2016) è graficato in funzione delle partite giocate. Il trend è determinato utilizzando una media mobile su 5 partite contigue (linee nere), mentre il WhoScored rating relativo alle singole partite viene mostrato nel riquadro in basso a sinistra (linea rossa). Vengono anche indicati due periodi (orientativamente indicati dagli ovali rossi) nei quali le performance del periodo di Insigne sono state al top.

 

 

La mia sul Napoli

il blog: lamiasulnapoli.wordpress.com

Metti Mi Piace sulla pagina Facebook, vai qui.
Segui @lamiasulnapoli su Twitter, vai qui.
Segui la rubrica anche su Google+, vai qui.
Segui l’account su Instagram, vai qui.
Iscriviti al canale Youtube, vai qui.


Warning: A non-numeric value encountered in /home/ilmedian/public_html/sport.ilmediano.it/wp-content/themes/Newsmag/includes/wp_booster/td_block.php on line 353