CONDIVIDI

TAGLIALATELA E SCHWOCH ALLA MOSTRA “L’AZZURRO FA 90” IN CORSO SINO AL 4 FEBBRAIO ALLA CARTIERA. L’EX PORTIERE: “DI IMBRIANI LA MAGLIA PIU’ EMOZIONANTE”. DA LUNEDì I CIMELI DI MARADONA DEL MUSEO DELLA FAMIGLIA VIGNATI, OGGI ALBERTO SAVINO

image3

Prosegue sull’onda del successo e della massiccia presenza di appassionati la mostra l”‘Azzurro fa 90″, in corso al Centro Commerciale “La Cartiera”, che celebra l’importante anniversario della nascita del Calcio Napoli. Dopo l’inaugurazione di giovedì scorso (con Ferlaino, Vinicio, Canè, Improta, Montefusco, Rivellino, Abbondanza, Iezzo e altri ex azzurri), ieri è stato il giorno dei “testimonial” Pino Taglialatela e Stefan Schwoch. Batman, 203 in azzurro, ha firmato la foto storica che lo ritrae e si è emozionato nel vedere le sue divise da gioco (della collezione di Domenico Mei, www.napolipassion.it) ma anche quelle del Napoli del passato, di cui è grande tifoso. «La cartolina più bella di questa mostra è però la maglia di Carmelo Imbriani, il cui ricordo è sempre vivo in noi». Poi ha aggiunto: «Questa mostra è bellissima, emozionante. Sono stato quindici anni nel Napoli, dal settore giovanile alla prima squadra. Orgoglioso di questa militanza, il Napoli è la squadra del mio cuore. Il club è arrivato all’importante soglia dei 90 anni: anno di questo club è importante e niente va rinnegato, i trionfi sono nella storia ma la passione dei tifosi c’è sempre stata, anche nelle annate meno felici”. Sull’attualità: “La gara con l’Empoli non è facile ma il Napoli può e deve vincerla per proseguire il duello con la Juve e il sogno tricolore”

image1

Con lui anche Stefan Schwoch, autore di 22 reti nella promozione in A del 1999-2000: «Inutile dire che auguro a Higuain di arrivare subito a quota 22 e di segnare 40 gol per portare il Napoli in alto. Della mia esperienza in azzurro conservo un dolcissimo ricordo di tutto e in particolare dell’intera città di Napoli. Sono nato a Bolzano ma mi sento uomo del sud e partenopeo per sentimenti e mentalità. Mi ritengo fortunato di essere stato in questa piazza, giocare al San Paolo è stata un’emozione unica, festeggiare con i tifosi la promozione in A è stato stupendo, non oso immaginare cosa accadrebbe in caso di scudetto. Auguro ai tifosi, e agli attuali azzurri, di vincere il titolo: sarebbe una cosa irripetibile». Simpatico il siparietto finale tra i due. «Pino? – dice Schwoch – è stato un grandissimo portiere, nei 6 mesi in cui abbiamo giocato insieme era un punto di riferimento per tutti i nuovi ma in generale per lo spogliatoio». «Stefan? -di rimando Pino -, un bomber eccezionale. Gran parte del merito di quella promozione in A fu suo, il rapporto che ha creato con i napoletani è quasi unico, un feeling speciale, si è immerso con gioia nella nostra cultura».

image2

La mostra prosegue ogni giorno con le foto, i cimeli e le maglie e con tanti ospiti: oggi ci sarà Alberto Savino, ex difensore azzurro, tra i pionieri dell’era De Laurentiis.

Lunedì, poi, grande attesa perchè ci sarà l’esposizione dello straordinario museo di Maradona della famiglia Vignati (www.saveriosilviovignati.it). La mostra celebrativa l'”Azzurro fa 90″, in corso sino al 4 febbraio presso “La Cartiera” di Pompei è un evento Dgs Sport&Cultura.

 

COMUNICATO STAMPA