CONDIVIDI


Una giornata emozionante all’insegna della tradizione Presepiale che rivive a Montevergine con l’inaugurazione della rinnovata mostra dei presepi del Santuario.

Oltre 10 presepi e la presenza di sculture sacre del 700 e ancora vari gruppi di statue. Dal 18o al 21o secolo. Presepi provenienti da varie parti d’Italia. Testimonianze di artisti vari che hanno rielaborato il dato storico della nascita di Cristo. Una mostra permanente di presepi frutto di donazioni e di alcuni acquisti da parte della comunità monastica, che mostra il rinnovamento degli spazi espositivi e dei presepi allestiti, con un taglio prettamente seicentesco e settecentesco del classico presepe Napoletano. Una scelta ben precisa da parte dell’Abbazia di Montevergine che presenta l’evento con un Workshop a partire dalle ore 10.

Tanti i presenti nella suggestiva Sala del Capitolo, dove si è svolto il Workshop di approfondimento “La tradizione presepiale all’Abbazia di Montevergine”, al quale hanno preso parte tante autorità civili e religiose. Presenti le Pro Loco locali e regionali e varie associazioni, artisti e appassionati.

La conferenza stata moderata dal giornalista de “Il Mattino” Annibale Discepoli. Al tavolo presenti l’Abate di Montevergine Riccardo Luca Guariglia, il Presidente del Consiglio Regionale della Campania, on. Rosa D’Amelio, , il Commissario Ept Luigi Napolitano, l’Arch. Giuseppe Zampino presidente Ente Parco del Partenio.

In sala tra gli altri, Vittorio D’Alessio Presidente Pro Loco Mercogliano, il preesidente regionale Unpli, Mario Perrotti, il presidente provinciale Unpli, Giuseppe Silvestri, la preside del Colletta, Angelina Aldorasi.

Tra gli argomenti trattati, anche la valorizzazione del territorio e il rilancio del turismo religioso affinché diventi risorsa importante e straordinaria in un luogo amato che porta tanti fedeli, con la speranza che possa diventare luogo di attrattore e volano di sviluppo.

Un territorio che ha bisogno di sviluppo soprattutto sotto il punto di vista della ricettività e del trasporto, come sottolinea l’Arch. Zampino, con l’esigenza di attivare canali di finanziamento per trasformare un turismo mordi e fuggi, in area turistica permanente.

In chiusura, l’intervento di Padre Giovanni Gargiulo che relaziona sulla mostra Presepiale iniziando da una breve storia fino ad oggi con la nuova veste.

A seguire, la tanto attesa visita al museo, con il taglio del nastro da parte dell’Abate Guariglia che apre la straordinaria mostra.

Ed ecco che si svelano i presepi, posizionati con sapienza all’interno del corridoio percorso dai visitatori con stupore e ammirazione per la mostra messa in risalto dal nuovo intervento. Magia dell’arte presepiale che mostra i caratteri del 700 napoletano, conosciuto in tutto il mondo e la presenza di sculture sacre del 700 che rappresentano un vero lustro per il Santuario di Montevergine come conferma l’Abate Guariglia nel servizio a cura del Mediano Web TV:

[youtube url=”www.youtube.com/watch?v=Mxd8_0eh8I4″ width=”560″ height=”315″]

Servizio a cura di Roberto Sica – Il Mediano Web Tv