CONDIVIDI

Il Napoli è in silenzio stampa. Società, mister e calciatori continuano il loro silenzio stampa e attraverso un comunicato rigettano le fantasiose ricostruzioni, chiarendo che non ci sono motivi “scaramantici”, ma un chiaro bisogno societario. Si concederanno interviste solo in occasione delle gare Uefa. Il Napoli prende le decisioni che ritiene più giuste, e senza avere il timore di “scontentare” i propri tifosi. Interessante notare lo stile del comunicato, che volutamente virgoletta alcuni termini (“scaramantici” e “scontentare”, in chiaro riferimento a dichiarazioni fatte da qualche opinionista o giornalista).

Io approvo totalmente questo silenzio stampa, da tifoso e da cronista. Io approvo questo silenzio perché, in fondo, per il tifoso è più importante sentire l’intervista del presidente, del mister o di Higuain, oppure vedere i giocatori sputare l’anima in campo? La seconda, vero, cari amici tifosi? Condivido a pieno il comunicato. I tifosi sono interessati alle prestazioni e all’impegno dei giocatori in campo. Io approvo questo silenzio perché mi sono stancato di sentire sempre e solo le solite domande, sul futuro di Benitez, sui possibili addii dei calciatori, sul rapporto Benitez-società-squadra, ecc. ecc. Io approvo questo silenzio perché forse è l’unico modo per evitare destabilizzazioni che provengono dall’esterno, che possono minare l’equilibrio che è maturato nelle ultime settimane – dopo la sfuriata del presidente – equilibrio che ha portato tante ed importanti vittorie, ed una meritata qualificazione europea. Io approvo questo silenzio perché la società sarà pur “libera di essere libera” di attuare le scelte societarie che crede siano più adatte al momento? O no? In barba a SKY e Mediaset Premium. Se un’azienda decide che la comunicazione esterna sotto forma di interviste non è, in un determinato momento, appropriata per gli obiettivi che si propone, non concede interviste. Io approvo questo silenzio perché nessuno potrà ricamare su eventuali dichiarazioni di quello o di quell’altro, e finalmente la cronaca di ciò che succede verrà fatta solo in base alle prestazioni della squadra e non sull’interpretazione di una frase o di un pensiero o di una smorfia, che il protagonista del telefilm “Lie to me” padroneggia egregiamente. Io approvo questo silenzio perché si fanno troppe chiacchiere, vogliamo vedere “giocare a pallone”, parlare troppo stanca. A tempo debito, chi avrà da dire qualche cosa lo dirà. E quando la strategia cambierà ne prenderemo atto e ascolteremo delle belle interviste del presidente, del mister e dei giocatori. Ora conta solo portare a termine questa stagione nel miglior modo possibile, con la strategia che la società considera più opportuna e le decisioni che ritiene più giuste. Che si vinca qualche cosa o si sprofondi nell’anonimato, io approvo questo silenzio. Io approvo questo silenzio! Silenzio, l’unico rumore che voglio sentire è quello di un piede che calcia un pallone. Silenzio! “Shhhhhhh”!

Crescenzo Tortora

La Mia sul Napoli

il blog: lamiasulnapoli.wordpress.com

Metti Mi Piace sulla pagina Facebook, vai qui.

 

SSCNapoli