CONDIVIDI

Da questo Napoli non sai cosa aspettarti. Ti fa sprofondare nello sconforto totale e poi ti riporta sulle stelle con vittorie importanti, prima con la Fiorentina, e poi è volato in Germania per giocarsela e stracciare la seconda forza della Bundesliga, su un campo imbattuto. Vittoria che apre una porta sulle semifinali di Europa League. Una vittoria tanto schiacciante e tanto inaspettata. Chi si sarebbe aspettato una vittoria così schiacciante? Chi non avrebbe dato un braccio per un 1-1? Il Napoli non aveva mai vinto in Germania. Sfata anche questo tabù.

Gli avversari sono veramente forti e il Napoli deve chiudere tutti gli spazi e ripartire negli spazi che si creano. Nei primi minuti qualche pericolo dalle parti di Andujar, ma la partita si mette subito sui binari giusti. Il Napoli inizia a giocare in verticale. Riparte veloce, Mertens serve in mezzo ai difensori avversari Higuain che, sul filo del fuorigioco, stoppa la palla e segna. Higuain è forse in leggerissimo fuorigioco, e blocca la palla con un braccio. Che fortuna. E’ tornata pure quella. Ma non ci basta. Il Napoli è più famelico dei lupi tedeschi. Passano dieci minuti. Questa volta è Maggio che fa una magia, fa un gioco di gambe, serve Higuain, che sfoggia uno dei suoi passaggi filtranti, a giro, preciso sui piedi di Hamsik, è gol. Secondo gol consecutivo dello slovacco. Le sue statistiche migliorano. Ottima partita la sua. Si creano spazi per il Napoli. Ci facciamo attrarre dagli esterni avversari e permettiamo loro di inserirsi sull’angolo sinistro della nostra area di rigore, è la seconda volta, ma nulla di fatto. Per il resto del tempo il Napoli è attento su tutte le palle. Che giocate di Maggio e Hamsik. Il primo tempo termina con un grande salvataggio di Andujar che devia sulla traversa un tiro di Schürrle da fuori area.

Inizia il secondo tempo. Higuain liberato da una spizzata di Hamsik, Benaglio salva. Risponde Andujar con un bell’intervento. Al 60′ esce Mertens ed entra Insigne, che darà nuova linfa alla spinta azzurra sul lato mancino. Callejon approfitta di un errore della retroguardia tedesca, serve in mezzo Hamsik. Facile il gol dello slovacco. Al 74′ esce il migliore della partita, Hamsik, grande partita, 2 gol ed ottima prestazione. Entra Gabbiadini, non ha nemmeno il tempo di vedere aumentare il ritmo del suo cuore, che va a segno. Deve ringraziare Lorenzino, il ragazzo è definitivamente tornato. Oramai è come uno stampo di fabbrica. Fa lo stesso movimento che ha propiziato il gol di Callejon contro la Fiorentina, bel cross sulla testa di Gabbiadini, che non può rifiutarsi di metterla dentro. E siamo a quattro. Ma nella ricerca dell’ulteriore gol gli azzurri si fanno infilare da un contropiede avversario. Gol di Bendtner, servito da Perisic. Nel finale si registra anche una traversa di Gabbiadini da fuori area ed entra Henrique per Higuain. La partita termina 1-4.

Vittoria inaspettata. Non mi aspettavo un risultato così schiacciante, ed anche per la squadra, a detta del capitano Hamsik, il risultato è stato una vera sorpresa. Il Napoli verticale di Benitez mette i lupi in orizzontale. Partenza, lancio lungo e profondità per gli attaccanti. Bella prestazione dei nostri. Aggressivi e attenti in fase difensiva. E veloci nell’affondare l’avversario, che ci ha capito veramente poco. I lupi ritornano nei boschi con le code tra le zambe. Al ritorno ci aspetta una partita da gestire. Non si potrà e non si dovrà dilapidare questo risultato così generoso. Al San Paolo per conquistare questa storica semifinale Europea.

Ai microfoni di Mediaset Premium, interrogato sul suo futuro, il mister si sbilancia. Inedite dichiarazioni. Parla di decisione non ancora presa, decisione che dipenderà dalla volontà futura della società, sui piani futuri. La sua idea è quella di riflettere sulle proposte della società, sulla programmazione futura, sul centro sportivo, sulle giovanili. La palla passa alla società!

Questa sera La mia sul Napoli è in trasferta. Sono a più di 2000 metri di altezza, su un’isola delle Canarie, sotto un cielo magnifico che ti lascia vedere anche la Via Lattea, all’interno di una cupola di un telescopio, nel nulla del nulla, e temevo che l’altitudine e il Napoli mi avrebbero potuto creare degli scompensi cardiaci e che nessuno mi avrebbe potuto salvare. Per fortuna è andato tutto liscio. Sono ancora vivo.

La mia sul Napoli e un po’ di Napoli in mezzo alle stelle delle Canarie.

Crescenzo Tortora

La Mia sul Napoli

lamiasulnapoli.wordpress.com

 

VfL Wolfsburg - SSC Napoli