CONDIVIDI

Lo Stadio è pieno, il San Paolo è quello delle grandi occasioni, curve, distinti e tribuna pieni fino all’orlo. Non è la Juventus, non è la Roma, al San Paolo arriva il Sassuolo, la politica dei prezzi stracciati porta allo stadio circa 50000 spettatori. Applausi per l’ex-capitano, Cannavaro si gode il riconoscimento dello stadio, ringrazia, ma la partita non gli porterà fortuna, uscirà per uno stiramento durante il primo tempo (insieme al compagno Antei).

A poco dall’inizio della partita arrivano le prima notizie sulla formazione, e la scelta sul portiere sorprende o forse no? E’ Andujar il titolare di questa partita (vedi Rafael, dentro o fuori?). A sinistra gioca Ghoulam, al centro David Lopez e Gargano, Callejon e Gabbiadini sulle fasce, Hamsik al centro e a Zapata l’ingrato compito di sostituire il Pipita.

Il primo tempo è di sacrificio. I nostri avversari sono messi bene in campo. Come il Palermo di Iachini, anche Di Francesco ci mette in difficoltà. Il Sassuolo è una bella squadra che può vantare un attacco da urlo, giovani di sicuro futuro. I nostri avversari si schierano con il loro standard 4-3-3, che in fase passiva si trasformava in un 4-1-4-1, con i due esterni di attacco sulla linea dei centrocampisti, modulo quasi speculare, perfetto per chiudere gli spazi al Napoli. Ma la grande prova del Sassuolo è anche in avanti, ottimi scambi. I neroverdi hanno attaccato spesso in 4 o in 5, si è notata in qualche occasione questa linea di 4 o 5 giocatori per impensierire la nostra linea difensiva. Il Napoli ha sofferto. Nonostante le difficoltà nel gioco arrivano due occasioni per Hamsik e una per Zapata, e un’occasione dalla destra di Berardi che però la mette fuori. Hamsik ha toccato tanti palloni, potendo prendere palla indisturbato tra le linee, qualche errore, ma ha mostrato personalità.

Il secondo tempo è un’altra storia. I ritmi tenuti nel primo tempo non sono più sostenibili, e il Sassuolo è più accorto, ma concede al Napoli  più spazi. Occasioni per Zapata di testa su cross di Maggio, seguirà una conclusione di Berardi che la mette fuori a fil di palo. Zapata è un indemoniato. Prende palla da Hamsik, corre verso l’area, è in mezzo a cinque avversari, vince  rimpalli su rimpalli, cade ma non molla, si rialza, tira ed è gol.  Dopo 10 minuti arriva il raddoppio. Sempre Zapata, riesce a difendere egregiamente la palla e serve all’indietro Hamsik che trafigge Consigli con un destro preciso. In questa fase della partita si sono registrate alcune decisioni protagonistiche dell’arbitro, che 1 minuto dopo il gol espelle Mertens (entrato al posto di Gabbiadini) che, in recupero su un avversario, non potendo raggiungerlo, lo stende. Il fallo c’è. Un giallo sarebbe stato meritato. Ma il rosso sembra eccessivo. L’arbitro si becca qualsiasi complimento dal pubblico del San Paolo. Il napoli è in 10. Bisogna resistere e difendere, e possibilmente ripartire. Il Napoli si difende, ma riesce a non soffrire. I nostri avversari vengono controllati bene e sull’unica occasione pericolosa, Andujar salva, è Magnanelli che tira da lontano, bella parata di Andujar. Qualche contropiede per il Napoli, ma l’occasione più ghiotta è quella di Callejon, che da solo davanti al portiere, la incrocia, ma è fuori. Qualche mese fa sarebbe stato gol ad occhi chiusi. Nel finale Benitez concede l’applauso del San Paolo ad Hamsik, che viene sostituito da De Guzman. Entrerà anche Mesto per Callejon.

Finisce 2-0. Partita difficile, il Napoli resiste contro l’ottimo Sassuolo del primo tempo. Un Sassuolo che attaccava in 3 o 4 o addirittura in 5 sulla linea dei nostri difensori. Nel secondo tempo i nostri avversari calano, e il Napoli viene su. Zapata è devastante, le prende tutte lui, ha la colla sul petto, ed è determinante sui 2 gol.  Higuain è il titolare indiscusso nel ruolo, ma Zapata continua a rendere dura la scelta del mister, la sua è una media gol eccezionale. Elogi anche ad Hamsik, che gioca tanto, è sempre al centro delle azioni ed entra nelle due azioni da gol, bello il suo gol. Bene anche Gargano, ovunque sul campo. Sicuro Andujar.

Ad una vittoria dalla Roma, che zoppica.

Crescenzo Tortora

La Mia sul Napoli

lamiasulnapoli.wordpress.com/

Napoli Sassuolo. esultanza Hamsik (fonte ANSA)
Napoli Sassuolo. esultanza Hamsik (fonte ANSA)
Napoli Sassuolo. Esultanza Zapata Hamsik (fonte ANSA)
Napoli Sassuolo. Esultanza Zapata Hamsik (fonte ANSA)
Napoli Sassuolo. Gol Zapata (fonte ANSA)
Napoli Sassuolo. Gol Zapata (fonte ANSA)

Alcune foto dai distinti

2015-02-23 19.54.57 2015-02-23 19.02.53 2015-02-23 19.01.02 2015-02-23 18.55.43 2015-02-23 18.55.52 2015-02-23 18.56.22 2015-02-23 18.59.30 2015-02-23 18.55.38 2015-02-23 17.58.46 2015-02-23 17.58.36