CONDIVIDI

Dopo la fase a gironi il Napoli vola in Turchia, a Trebisonda, capoluogo della omonima regione, capitale dell’Impero di Trebisonda, ultima città bizantina ad essere conquistata dagli Ottomani. Storicamente, un importante porto, collegamento tra occidente ed oriente. Una bella meta di rilevanza storica. Città sul Mar Nero, meta turistica, effettivamente è sembrata una vacanza! Sono sbarcati i napoletani. “Mamma li napoletani!”

Tutto facile, troppo facile. Il Napoli è apparso superiore, troppo. Veramente troppo. Una partita tra scapoli e ammogliati avrebbe generato più tensioni tra gli spettatori azzurri. La partita, soprattutto negli ultimi 20 minuti, dopo 70  minuti di passeggiate sul Mar Nero, è sembrata interminabile. Il Napoli vince e segna 4 gol, ma avrebbe potuto segnarne altri 4. La qualificazione è quasi ipotecata. “Mamma li napoletani!”

Il Napoli e il solito turnover, la rotazione che deve portare gli azzurri all’agognata spiaggia, senza affogare (Benitez dixit). Henrique sulla destra, Ghoulam sulla sinistra (Strinic non può giocare in coppa), la coppia di difensori centrali è quella titolare, Gargano e Inler in mezzo, davanti Gabbiadini, de Guzman e Mertens. Higuain non potrà giocare lunedì, quindi oggi è in campo.

Pronti, partenza, via. Il Napoli domina in lungo e in largo. Ha tante occasioni, è messo bene in campo, sempre coperto e mai sbilanciato. Con le 2 linee strette. Calci d’angolo, molto movimento in avanti. Una valanga azzurra. Gli avversari sono sembrati veramente poca cosa. “Mamma li napoletani!” Comunque, nel post-partita l’allenatore avversario parlerà dello stato di emergenza della sua squadra con giocatori non in piena forma ed una panchina corta.

3 gol nel primo tempo. Il Napoli segna subito con Henrique, che la mette in rete di testa dopo una palla rimpallata su una conclusione di Koulibaly. “Mamma li napoletani!” Poi Gabbiadini affonda nelle linee nemiche come una lama in un pezzo di burro. Potenza, velocità e tempismo, arriva sul fondo e serve una palla bassa e tesa che Higuain deve solo appoggiare in rete. “Mamma li napoletani!” Dopo l’assist arriva anche il gol. Cross di Albiol, Gabbiadini accomoda la palla a terra ed è semplice insaccarla sotto le gambe del portiere. “Mamma li napoletani!” Higuain vuole mettere il secondo sigillo personale. Dribbla due giocatori, come dei birilli, troppo facile, ma la mette sulla traversa.

Nel secondo tempo arrivano le solite sostituzioni. Benitez pensa a Lunedì. David Lopez al posto di Gargano, Callejon per de Guzman e Zapata per Higuain. Nel frattempo il Napoli tenta in più occasioni di segnare. Anche se gli avversari, ectoplasmi nel primo tempo, danno qualche segnale di vita. Il Napoli non vuole farlo il quarto. Ma gli avversari sì. Mertens viene steso, un fallo veramente inutile, inspiegabile. Mertens non avrà gradito, lo sbaglia. Gli ho gridato di tirarlo centrale, ma non mi ha sentito. Che brutto rigore. Angolato e fuori. Ma il quarto arriverà nel finale con Zapata, che insacca dall’area piccola. “Mamma li napoletani!”

Complimenti al Napoli che gioca una bella partita. Su tutti Gabbiadini e Higuain. Bene anche Mertens, il solito cuore per Gargano. Qualche errore per Inler. Sugli altri campi Roma e Torino pareggiano. “Mamma li napoletani!”

Lunedì, ad un insolito orario pre-serale, alle 19.00, si giocherà al San Paolo col Sassuolo. Prezzi popolari, chissà se l’orario scoraggerà tanti. Vinciamo. Questa vittoria sciolta e ordinata terrà sicuramente alto il morale.

A Sassuolo gridano: “Mamma li napoletani!”

Crescenzo Tortora

La Mia sul Napoli

lamiasulnapoli.wordpress.com

Trabzonspor – Napoli 0 – 4 (fonte ANSA)
Trabzonspor – Napoli 0 – 4 (fonte ANSA)