CONDIVIDI

“Mi faccio Ancora da solo …E NON SOLO!” Al Teatro Gloria di Pomigliano Sabato 31 Maggio torna in scena Enzo Catapano con una commedia in due atti che racconta in chiave comica aneddoti che caratterizzano il momento storico attuale della nostra società. Uno spettacolo che  attraverso la comicità e  l’interattività con il pubblico si promette di essere un vero e proprio varietà.

Soggetto : Enzo un giovane sulla trentina nella vita ha un solo scopo , quello di diventare un bravo ed affermato attore teatrale e cinematografico. Fa molte esperienze anche importanti ma non riesce a sfondare, è continuamente messo in attesa. Il suo amico migliore è il telefono ed un’agendina dove sono segnati tutti i numeri di telefono più importanti per la sua carriera: produttori, registi, attori importanti ed anche di onorevoli, segretari di partito, anche quelli servono a volte . Tutti i giorni, insieme ai suoi inseparabili compagni, agendina e telefono, di buonora comincia a chiamare agenzie per lo spettacolo a fissare appuntamenti sulla capitale, fa provini ovunque, per compagnie teatrali, per piccoli ruoli, comparse, pubblicità ma non fa altro che sentirsi dire la fatidica frase :”Le faremo sapere!” Un giorno seduto alla sua scrivania col suo PC, il cordless e  l’irrinunciabile agendina ormai scoraggiato da una miriade di “NO!” , “FORSE MI PIACE!”,stufo di apprendere di non essere stato scelto solo perché senza la giusta raccomandazione, decide di fare di tutto questo un suo spettacolo e ad aiutarlo è il custode del teatro che si trova proprio dietro casa sua Gennaro Taiuti.  Gennaro viene da una generazione di custodi di teatri illustri napoletani e non solo, eredita il posto da suo padre ormai anziano ed in pensione. Conosce il teatro più di casa sua è attento, scrupoloso e responsabile ha solo un brutto difetto è un po’ invadente, ogni compagnia teatrale che arriva in teatro lui deve sapere tutto di tutti , di ogni singolo attore s’informa della provenienza come un vero commissario di polizia Sarà anche la presenza di un altro personaggio, che non sveliamo, che contribuirà a dare brio ed ulteriore comicità al racconto. Taiuti, intanto, si presenta come un uomo molto eccentrico con atteggiamento effeminato. Con Enzo è molto disponibile gli da consigli, lo sprona , lo esorta a non gettare mai la spugna e a crederci fino in fondo. Il colpo di scena avviene con la scoperta che in realtà Gennaro Taiuti è Michele Scicolone che finge di essere gay sperando che venga notato e magari scritturato per qualche ruolo importante e guardando gli sforzi che Enzo fa per arrivare al successo si commuove dinanzi al tanto amore dell’attore per il proprio lavoro e si convince ancora di più che, infondo infondo, le speranze non sono mai finite e non bisogna mai darsi per vinti perché proprio quando credi che sia tutto perso è allora che la vita ti riserva magiche sorprese.

Note di Regia: Questa commedia è frutto di anni d’esperienza, dove lo stesso autore- attore- regista vuole esternare tutto cio’ che il mondo teatrale gli ha insegnato . Il suo unico obiettivo è di emanare nelle menti e nei cuori di ciascun spettatore la gioia , la voglia , l’energia di credere nelle proprie potenzialità . Questo spettacolo è perfetto da proporre alle scuole campane in quanto racconta in chiave comica aneddoti che caratterizzano il momento storico attuale della nostra società. Non può mancare il momento dell’ INTERATTIVITA’ con il pubblico . Questo spettacolo è un vero varietà, un percorso sociale e nello stesso tempo culturale.

Enzo Catapano

Appuntamento  per Sabato 31 Maggio ore 21.00 al Teatro Glotria. Prezzo del biglietto: 7 Euro.

La Redazione