CONDIVIDI

FIF_NewCrest

-STORIA- A concludere il girone C di Brasile 2014 la Costa D’Avorio. La selezione africana è soprannominata “gli elefanti” per il simbolo della nazione. Attualmente occupa la 17 posizione nella classifica FIFA. La Costa D’Avorio è alla sua terza partecipazione ad un Mondiale. Nelle prime due edizioni non è stata molto fortunata nel sorteggio capitando sempre in gironi durissimi. Questa volta la fortuna sembra essere dalla sua parte. Nella sua bacheca spicca la vittoria nella Coppa d’Africa del 1992 vinta in Senegal. La Nazionale ivoriana gioca con i colori della bandiera nazionale: maglia arancio, calzoncini bianchi e calzettoni verdi. Lo stemma adottato è il medesimo della propria federcalcio, una mappa bianca del Paese bordata di arancione con al centro una testa stilizzata di un elefante in verde. L’animale, simbolo che dà il soprannome ai membri della Nazionale. La selezione è guidata dal C.T. Sabri Lamouchi francese.

Speciale-Mondiali-girone-C-Colombia-Grecia-Costa-dAvorio-Giappone2

-IL GIRONE- La Costa D’Avorio è inserita nel girone C di Brasile 2014 insieme a Colombia, Grecia e Giappone. La selezione africana esordirà il Domenica 15 Giugno alle ore 3 del mattino in Italia contro il Giappone di Zaccheroni. Proseguirà il suo cammino contro la Colombia il 20 Giugno per poi concludere con la Grecia il 24 Giugno.

Team Ivory Coast

-LA FORMAZIONE E LE STELLE- La formazione degli elefanti è la più forte selezione africana presente a Brasile 2014. Tra le sue fila può contare su giocatori di caratura internazionale. Il portiere è l’unico ruolo più debole. In difesa può contare sul centrale del Liverpool Kolo Tourè, Tiene, Bokà; tutti calciatori che militano nei massimi campionati europei. A centrocampo c’è Yaya Tourè insieme a Romaric. L’attacco è molto forte con la stella Drogba, in compagnia diKalou, Doumbia, Gervinho.

coppa_africa_drogba_costa_avorio_vs_ghana

-GLI ITALIANI- L’unico italiano tra le fila degli africani è il romanista Gervinho che guiderà l’attacco degli elefanti insieme a Drogba.

Luigi Iervolino