CONDIVIDI

SAN GIUSEPPE vs SANITA CALCIO 1 – 0

San Giuseppe: Rastiello, Amato, Di Donna, Iervolino, Criscuoli, Silvestri (60’ Di Palma), Nappi, Palma, Panariello, Ambrosio (75’ Massa), Pagano (63’ Mautone)

A disposizione: Parenti, Illiano, Sorrentino, Boccia

Allenatore: Cutolo

Sanità Calcio: Esposito, Calise, Nacci (46’ Mango), Massaro, Buonfante, Milo, Arena (63’ Coppola), Formato (76’ Palumbo Piercarlo), De Stefano, Marsiglia, D’ Ario

A disposizione: Lombardo, Arrichiello, Avolio, Di Pauli

Allenatore: Cuomo

Arbitro: Belluomo di Torre Annunziata

Angoli: 6-4

Spettatori: 45 circa

Ammoniti: 11’ Ambrosio, 68’ Criscuoli e 77’ Palma (SG) 82’ Milo e 86’ De Stefano (SC)

Recupero: primo tempo 0 minuti, secondo tempo 5 minuti

Marcatori: 43’ Nappi

DSCF1015

La sfida tra le nobili decadute San Giuseppe e Sanità Calcio giocata al “Pignatelli” di San Gennaro Vesuviano termina con il vantaggio locale per uno a zero, al termine di un incontro valido agonisticamente, ma bruttissimo dal punto di vista dello spettacolo, se non ci fosse stata una disattenzione degli ospiti, il risultato non si sarebbe mai sbloccato, in quanto i portieri per tutto l’arco dei novanta minuti praticamente non si sono mai sporcati i guantoni.

Riavvolgendo il film della gara partenza a razzo dei vesuviani al 1’ Iervolino calcia di contro balzo al volo dal limite centrale, ma la sfera termina alta, al 5’ Palma colpisce di testa in mischia sugli sviluppi di un corner battuto da sx, ma è facile la parata a terra di Esposito, al 35’ Nappi favorito da un liscio difensivo, è servito solo davanti al portiere ma il suo allungo in spaccata produce solo un brivido agli ospiti con la sfera che termina a lato, quest’azione è il preludio al vantaggio locale che arriva al 43’ con lo stesso calciatore, che approfittando di una disattenzione globale dei napoletani su una rapida partenza, realizza dal vertice basso sx.

La asconda frazione, sembra incredibile ma è ancora piu’ brutta della precedente, infatti, nonostante le squadre giochino con grande intensità e agonismo, per i portieri nemmeno l’ombra di una conclusione, infatti, non è un’eresia affermare che per tutto il secondo tempo non c’è stata nessuna azione degna di nota.

Termina dunque uno a zero per i locali, che s’impongono al termine di una gara noiosa dal punto di vista dello spettacolo, tra due squadre che si sono equivalse e annientate a vicenda, risultato sbloccato nell’unico modo possibile, cioè una disattenzione, un successo importate per i vesuviani che lanciano la loro candidatura alle posizioni di vertice, viceversa i napoletani sembrano ancora incompleti, tuttavia giocando con questa intensità, ma maggiore concretezza, riusciranno tranquillamente a raggiungere il traguardo prefissato.

 

Edgardo Spiezia