CONDIVIDI

2° Giornata – Prima Categoria Campania – Girone A

PLAJANUM CHIAIANO – ACERRANA 2-1

MARCATORI: Pollio al 25’, Vastarella al 50’ (C); De Micco al 69’ (A)

 

PLAJANUM CHIAIANO (4-4-2): Monteleone, Cuomo, Guadagno, Vastarella, Pignatelli, Manco, Feniello, Saverino (dal 78’ Napolano), Esposito, Procentese (dal 90’ De Marinis), Pollio (dal 62’ Lacava). (Esposito, Mele, Sacco, Puglisi).All. Marino

ACERRANA (4-3-3): Cerreto, Di Buono (dal 65’ Assanti), Passaro (85’ Ponticelli), Rivetti, Piscopo, Messina, Tufano, Lo Prete, Sais, Petrone, De Micco. (Giacomo Busto, Mondella, Guido Busto, De Chiara, Divino). All. Russo

 

ARBITRO: Cibelli di Ercolano

NOTE: Spettatori 70 circa. Ammoniti: Assanti, Petrone (A); Feniello, Guadagno, Napolano (C). Espulso Cuomo (C) al 42’ per fallo su chiara occasione da rete; Feniello (C) al 94’ per doppia ammonizione.

20151017_173407

Arriva alla seconda giornata la prima sconfitta stagionale dell’Acerrana. La prova di maturità che attendeva i granata lontano dal Comunale è fallita. Merito soprattutto di un buon Chiaiano, agguerrito fin dai primi minuti. Il risveglio granata c’è stato, ma è arrivato troppo tardi. La rete di De Micco ha destato il Toro, ma l’errore dal dischetto di Tufano e il successivo goal annullato ad Assanti, hanno spento nuovamente gli animi.

La partita – L’allenatore del Plajanum Chiaiano, Marino, schiera i suoi con un 4-4-2 che in fase offensiva diventa un 4-2-4. Oltre agli attaccanti Pollio e Procentese, il tecnico dei biancoverdi schiera sulle ali due esterni che in fase di possesso diventano attaccanti aggiunti. Telemaco Russo risponde confermando 10/11 della squadra che ha battuto la Real Grumese all’esordio. Unico cambio, in attacco, con l’avvicendamento Assanti/Petrone, quest’ultimo mattatore in Coppa con una doppietta.

Ritmi da subito alti in campo. Al 14’ è Sais a battezzare le occasioni con una punizione, concessa per atterramento di De Micco, terminata di poco alta,.

Al 19’ ci prova da fuori Tufano, ma il tiro è largo alla destra di Monteleone. La prima occasione per i padroni di casa cade al minuto 23, quando il bomber biancoverde Procentese, capocannoniere dei suoi lo scorso anno, prova il piazzato dal limite dell’area, sul quale è attento Cerreto che devia in angolo. Il Plajanum cresce di intensità e al 25’ trova il vantaggio: sugli sviluppi di un corner la sfera giunge fuori area sui piedi di Procentese il quale non ci pensa due volte a scagliare il pallone verso la porta di Cerreto. La sfera, respinta corta dal portiere granata, giunge sui piedi di Pollio, in dubbio fuorigioco, che ribatte a rete. È 1-0 per il Plajanum!

Subito il goal, gli uomini di Russo provano a reagire, rendendosi però mai realmente pericolosi dalle parti del portiere chiaianese Monteleone. Al 42’ però l’episodio che può dare la svolta al match: De Micco, caparbio, conquista palla sulla trequarti e si lancia verso la porta di Monteleone con il difensore chiaianese Cuomo non può fare altro che atterrarlo. Per l’arbitro Cibelli è chiara occasione da rete e sventola così il cartellino rosso sul viso di Cuomo. La punizione dal limite è battuta con mastria da Lo Prete, ma Monteleone si supera e devia la sfera in corner.

Al termine del primo tempo i granata si ritrovano sotto di una rete ma con un uomo in più.

I primi minuti di gioco del secondo tempo vedono però salire in cattedra Nino Manco, che dall’alto delle sue oltre 100 presenze in Lega Pro, trascina i suoi dapprima con una conclusione potente da posizione defilata che termina di poco alta e, successivamente, al 50’ con una traiettoria velenosa da corner che trova l’incornata del difensore Vastarella. Cerreto è nuovamente battuto. E’ 2-0 per il Plajanum.

I granata hanno mentalmente ritardato il ritorno in campo nella ripresa, pagando a caro prezzo questo atteggiamento. Scossi dalla rete del 2-0 gli uomini di Russo si riversano in attacco.

Al 57’ Lo Prete sfugge sulla sinistra è pennella un perfetto cross per la testa di Petrone, il quale angola troppo, spendendo la sfera a lato.

Ormai sono saltati tutti gli schemi e l’Acerrana, nonostante il doppio svantaggio, si riversa in avanti alla ricerca della rete che può riaprire i giochi, lasciando così spazi aperti agli uomini di Marino per il contropiede. Come al 65’ quando l’azione in velocità dei chiaianesi libera al tiro il centrocampista Saverino, il cui interno destro termina di poco a lato della porta di Cerreto.

Al 69’ si riapre il match: Petrone difende palla sulla trequarti, si libera del diretto marcatore e serve centralmente De Micco, il quale al limite dell’area fa partire un destro secco e preciso che si insacca alla destra di un immobile Monteleone. I granata hanno dimezzato lo svantaggio. Ora è 2-1!

L’inerzia del match vira clamorosamente. I granata, complice anche l’uomo in più e la stanchezza degli avversari, sono ora padroni del campo. Al 76’ la punizione battuta da Sais è respinta con un braccio dal difensore Feniello: Cibelli di Ercolano decreta il rigore a favore dei granata. Dagli undici metri si presenta Tufano, infallibile cecchino granata. Questa volta però il tiro è fiacco e centrale e Monteleone respinge. L’azione non finisce, in quanto sul pallone si avventa Petrone che rimette al centro la sfera sulla quale è lesto Assanti, subentrato a Di Buono, che devia in tuffo insaccando alle spalle del portiere biancoverde. Purtroppo, però, la deviazione è con il braccio: il direttore di gara ravvede il fallo ed annulla la rete. Il rigore fallito e la rete annullata spengono gli animi dell’intera squadra ed il cronometro corre così via senza altre grosse occasione.

Per i granata si tratta quindi della prima caduta stagionale. Resta, però, il rammarico per il rigore fallito che poteva permettere ai granata di tentare anche l’assalto per la vittoria. A questo si è aggiunto poi una conduzione di gara non ottimale da parte dell’artbitro Cibelli, il quale ha convalidato una rete al Pljanum a dir poco dubbia.

 

Fabio Sposito

Ufficio Stampa a.s.d. Polisportiva Acerrana