CONDIVIDI

Calcio Campano Giovani (Casoria Calcio) – Sanità Calcio 6 – 4

Calcio Campano Giovani (Casoria):

Annunziata , Capogrosso , Maione , Manfregola , Cuomo , Amoroso , Ruffo (60’ Calenda) , Riccio (55’ Palmieri) , Auricchio , Di Tuccio (71’ Pelella) , Villino

A disp: Buglione , Rocco , Nocerino

Allenatore: Fiorito

Sanità Calcio:

Tallarino , Buonfante , Mazzone Eduardo , Mazzone Luca , Formato , Pelorosso (62’ Pezzella) , Palumbo , Ruggiero , Barbato , Di Maio , Savarese (58’ Marsiglia)

A disp: Di Pauli

Allenatore: Cuomo / Vitolo

Arbitro: Nappo di Ercolano

Angoli: 4-6

Ammoniti: 68’ Capogrosso e 89’ Manfregola (C) 25’ Barbato (S)

Reti: 15’ Auricchio e 19’ Villino (C) 28’ Di Maio (S) 44’ , 49’ e 65’ Di Tuccio (C) 68’ Barbato su rigore (S) 78’ autorete Buonfante (C) 86’ e 89’ su rig Di Maio (S)

Recupero: 0’ pt – 2’ st

Spettatori: 60 circa (di cui una trentina all’esterno della struttura)

DSCF8253

Festival del gol al “Borsellino” di Volla, infatti, la gara tra il Calcio Campano Giovani (Casoria Calcio) e la Sanità Calcio si conclude con il pirotecnico e tennistico punteggio di 6 a 4 per i locali, vittoria meritata per la corazzata (anche se incompiuta visto che non disputerà i play-off) nonchè ambiziosa compagine locale, che non ha problemi a vincere contro i napoletani in forte emergenza, infatti, tra infortuni (Quarto, Perretti e Campese), squalificati (Arena, Nuzzolese e Mango) e indisponibili (Bevilacqua, Vitrano e Veralli), in distinta c’erano solo quattordici elementi di cui uno figurativo in panchina, in un tale contesto è da lodare la prestazione degli ospiti che sono stati in grado di realizzare ben 4 reti alla blasonata e ricca compagine viola. Riavvolgendo il film della gara partenza a razzo degli ospiti, al 5’ Ruggiero calcia alto dal limite dx, all’8’ Di Maio fallisce una clamorosa occasione, infatti, smarcato solo in posizione centrale davanti al portiere, calcia incredibilmente alto, spietata la reazione dei viola che con un micidiale 1-2 vanno sul doppio vantaggio, al 15’ Auricchio di testa dal vertice basso dx, insacca un perfetto cross dalla ¾ sx di Maione, al 19’ Villino realizza dal vertice basso dx, al 24’ sfiorano addirittura il tris con Ruffo abile a liberarsi di un avversario al limite dell’area, ma il suo tiro da posizione centrale sfiora il palo, i napoletani si svegliano dal torpore al 28’ con Di Maio autore di un grande spunto sulla sx che si conclude con la rete dell’1 a 2 dal vertice basso sx, la rete, però scatena il Calcio Campano Giovani (Casoria Calcio) che colleziona occasioni a raffica, nell’ordine, al 37’ Villino calcia alto dal limite centrale, al 38’ inizia lo show di Di Tuccio, prima si gira a centro area nello stretto, ricevendo la grande risposta di Tallarino, poi al 40’ la sua conclusione dal limite centrale è parata a mano aperta, ancora al 41’ colpisce la traversa dal limite centrale, la meritata realizzazione arriva al 44’ con una bella girata a centro area. Nella seconda frazione i locali stroncano sul nascere il tentativo di rimonta della Sanità Calcio, realizzando al 49’ la quarta rete con Di Tuccio con un tiro dal limite centrale, al 56’ la Sanità reagisce con Di Maio la cui conclusione sfiora il palo, al 58’ Ruffo calcia in corsa da centro area sx ma la sfera termina alta, al 61’ Calenda sfiora il palo dal vertice basso sx, la meritata realizzazione per i viola arriva al 65’ ancora una volta con lo scatenato Di Tuccio che realizza la terza rete personale insaccando a porta vuota da zero metri un perfetto cross dalla dx di Capogrosso, sussulto d’orgoglio dei napoletani al 68’ con Barbato che si guadagna un rigore per un netto fallo di Capogrosso, dal dischetto lo stesso attaccante realizza da rete del 2 a 5, al 70’ Mazzone Eduardo sfiora la clamorosa autorete svirgolando un cross di Amoroso, ma è strepitoso il colpo di reni di Tallarino a deviare in corner, autorete che invece riesca a Buonfante al 78’ che devia in rete un cross dalla dx di Villino, nel finale reazione d’orgoglio della Sanità Calcio che si getta in avanti con la disperazione della squadra che non ha niente da perdere, all’80’ Barbato sfiora l’incrocio dal limite centrale, all’86’ Di Maio realizza con un tiro dal limite centrale, all’88’ bella punizione di Barbato deviata in corner da Annunziata che respinge la conclusione nel set alto, sugli sviluppi del corner fallo di mano di Manfregola, il conseguente rigore è realizzato da Di Maio che fissa il risultato finale sul quattro a sei, questa è l’ultima emozione in quanto l’arbitro inspiegabilmente concede solo meno di due minuti di recupero, nonostante due rigori e 5 sostituzioni. Termina dunque 6 a 4 una vittoria platonica dei viola che nonostante il perfetto ruolino del girone di ritorno non accederanno alla post season, per gli ospiti, invece ennesima sconfitta che li vede scivolare sempre piu’ giu’ in classifica oramai evitare i play-out è una vera chimera, unico neo della gara gli sfottò dei tifosi viola (posizionati all’esterno della struttura) e di alcuni dirigenti locali (una minoranza ad essere onesti, infatti, la maggioranza si sono comportati da signori), nei confronti della compagine ospite che come detto era in forte emergenza.

 

Edgardo Spiezia