CONDIVIDI

10541484_393119467515435_1896401049779055111_n

 

 

 

Si interrompe al Comunale di Trentola Ducenta la striscia positiva dei granata. Sotto una pioggia incessante l’Acerrana subisce la prima sconfitta dell’anno ad opera della Virtus Libura, brava a concretizzare nel primo tempo un errore della difesa granata.

Agli acerrani il rammarico per le occasioni sprecate nella riprese e che non hanno permesso ai granata di conquistare punti per allungare sul Città di Casoria, sconfitta in casa dall’Albanova.

 

La partita – I padroni di casa, in tenuta neroverde, alla ricerca di punti importanti per il sogno playoff, schierano il duo d’attacco Mirra – D’Angelo, con Imperatore e il capitano Stabile a dettare le giocate a centrocampo.

Emergenza difesa invece per Borriello che schiera in difesa la coppia centrale inedita composta da Mondella e Castaldo, complici gli infortuni di Lo Prete e De Chiara e la squalifica di Passaro. A centrocampo è assente per squalifica Sais e a far coppia con Di Sena è il recuperato Messina che ritrova il campo dopo l’infortunio. In attacco le giocate sono affidate al bomber Panico, vice capocannoniere del campionato.

I primi minuti dettano il canovaccio del match, con continue interruzioni di gioco, ritmi bassi e giocate influenzate dal terreno di gioco reso saturo e scivoloso dalla pioggia battente. Fattore, questo, decisivo in quanto al minuto 18, su lancio lungo direttamente dal portiere neroverde Greco, il pallone a contatto con il suolo schizza mettendo fuori gioco il duo difensivo granata e liberando al tiro l’attaccante D’Angelo che a tu per tu con Busto non sbaglia. E’ 1-0 per la Virtus Liburia.

La risposta dell’Acerrana arriva al minuto 28 con uno sterile tiro dell’attaccante Assanti che termina a lato.

Il match si accende nella ripresa, allorquando l’Acerrana sposta il baricentro in attacco alla ricerca del pareggio. Nel giro di due minuti, al 57’ e al 59’, l’Acerrana reclama due rigori per atterramento di Assanti e di Petrella ma l’arbitro, Piscopo della sezione di Frattamaggiore, in entrambi i casi invita gli attaccanti granata a rialzarsi.

Al 63esimo l’occasione più ghiotta capita sui piedi di Di Sarno, subentrato a Ponticelli, ma il “cobra” spedisce clamorosamente alto l’invito al tiro di Panico.

Il primo tiro dei neroverdi nella ripresa arriva al minuto 65 quando D’Angelo ci prova dalla distanza, con la sfera però che si spegne sul fondo.

Ancora Acerrana al minuto 67’ con Petrella che prova la rovesciata da posizione defilata, ma il pallone oltrepassa la traversa.

Al 72’ ci prova Assanti dopo un batti e ribatti in area a calciare verso la porta della Virtus, ma il tiro si spegne di un soffio a lato, dando l’impressione del goal ai circa cinquanta tifosi, accorsi allo stadio nonostante il meteo avverso.

Rispondono i neroverdi con Procillo che dopo un’azione personale conclude verso Busto, ma il portiere granata para senza difficoltà.

All’80esimo piove sul bagnato per l’Acerrana con l’espulsione diretta per Mondella, reo di proteste nei confronti dell’arbitro il quale non ha visto il plateale atterramento del difensore granata Doreto, entrato nella ripresa al posto dell’infortunato Castaldo.

Le ultime speranze granata sono sui piedi di Panico e Di Sena con il primo che mette a lato in scivolata di mancino un invito di Piscopo ed il secondo, autore di una balistica sforbiciata in area, che si spegne però sul fondo.

 

Tabellino:

 

Virtus Liburia: Greco, Schiano, Procillo (48’ Gifuni), Masiello, Iavarone, Cantone, Costanzo (55’ Attolini), Stabile, Imperatore, Mirra, D’Angelo (58’ Di Girolamo).

A disp. Nugnese, Lenzone, Burtone, Munca. All. Cottuno

 

Acerrana: Busto, Mondella, Piscopo, Castaldo (66’ Castaldo), Ponticelli (60’ Di Sarno), Messina, Tufano, Di Sena, Petrella, Panico, Assanti.

A disp. Selvaggio, Divino, D’Inverno, Nocera, D’Amore. All. Borriello

 

Arbitro: Piscopo di Frattamaggiore

 

Marcatori: 18’ D’Angelo (VL)

 

Ammoniti: Proncillo, Greco, Schiano (VL); Panico, Petrella, Doreto (A)

 

Espulsi: Mondella (A)

 

Note: Spettatori 50 circa

Foto a cura di Giusy Messina

Ufficio Stampa a.s.d. Polisportiva Acerrana