CONDIVIDI

R.D.Internapoli Kennedy – Atletico Sanità 1 – 2

R.D.Internapoli Kennedy: De Pinto, Carone, Sorvillo, Troiano, Casagrande, Micillo, Zerlenga, Esposito, Cipollaro, Riccio, Fierro

A disp: Anatrella, Afeltra, De Simone, Sicuro, Monfregola, Pasaro, Pistuggia

 

Atletico Sanità: Lombardo, Di Vaio, Esposito G., D’ Antonio, La Porta, Barone, De Francesco, La Sala, Arnone, Cancello, Polidoro

A disp: Fabozzi, Di Pietro, Acunto, Starita, Delle Donne, Cammarota

Allenatore: Barile

Reti: Zerlenga (I) La Sala e Di Vaio (AS)

Spettatori: 60 circa con rappresentanza ospite

10917753_919986441346166_584540689_n

Il derby napoletano tra R.D. Internapoli Kennedy e Atletico Sanità si conclude con la vittoria ospite per due a uno, al termine di una gara di buon livello, ben combattuta da entrambe le compagini, il primo tempo nonostante gli ospiti lo trascorrano per gran parte della contesa nella metà campo avversaria, si conclude con i collinari in vantaggio grazie ad una rete di Zerlenga, che dal limite dell’area trova il classico jolly, che va a sorprendere l’ottimo Lombardo, fino a quel momento impeccabile, nella seconda frazione il copione non cambia, infatti, l’Atletico Sanità è costantemente all’attacco, questo sbilanciamento in avanti, li espone però alle pericolose ripartenze dei locali, che in contropiede sfiorano il raddoppio con Riccio che di testa da distanza ravvicinata colpisce il palo, lo spavento non demoralizza gli ospiti, che non mollano, infatti, si riversano in attacco con tutte le proprie forze alla ricerca del pareggio che arriva all’86 con un bel tiro da fuori area di La Sala, che sorprende il numero uno locale, il pareggio non placa l Atletico Sanità che continua ad attaccare alla ricerca del bottino pieno, il forcing è premiato in pieno recupero, quando trovano la seconda rete con Di Vaio, che insacca una stupenda rete che regala a se stesso e ai suoi compagni, nonché ai propri sostenitori la vittoria, un successo meritato anche se rocambolesco, che dimostra ancora una volta che il team di mister Barile può davvero ambire alla post season.

 

Edgardo Spiezia