CONDIVIDI

Sanità Calcio – Virtus S.Anastasia (Atletico Vollese) 1 – 2

Sanità Calcio:

Peluso, Buonfante, Formato (69’ Pezzella), Mazzone Luca, Di Pauli, Arena Giovanni, Perretti, Barbato, Di Maio, Campese (91’ Palumbo)

A disp: Tallarino, Pelorosso, Mazzone Eduardo, Quarto

Allenatore: Cuomo / Vitolo

Virtus S.Anastasia (Atletico Vollese):

Esposito Pietro, Ricciardi, Fantini, Buonocore, Penniello, De Rosa, Picci (34’ Imparato), Folliero, Esposito Fabio (94’ Signorelli), De Martino, Licciardi

A disp: Silvestre, Arena Pasquale, Grimaldi, Velotti, Pelliccio

Allenatore: De Falco

Arbitro: Pepe di Napoli

Angoli: 4-3

Ammoniti: 8’ Campese, 43’ Di Pauli, 44’ Buonfante, 84’ Arena Giovanni e 89’ Mazzone Luca (S) 20’ Penniello, 94’ Di Martino e 96’ Esposito Pietro (V)

Reti: 15’ Di Martino (V) 86’ Buonfante (S) 93’ Esposito Fabio (V)

Recupero: 1’ pt – 8’ st

Spettatori: 30 circa

DSCF6787

Al “San Gennaro dei Poveri” vittoria corsara della corazzata Virtus S. Anastasia (Atletico Vollese) che s’impone per due a uno sulla compagine locale della Sanità Calcio, al termine di una gara poco spettacolare, ma molto valida dal punto di vista tecnico e agonistico, i 22 in campo non si sono mai risparmiati, la gara è stata decisa da una rete in pieno recupero di Esposito Fabio che insacca con il classico tiro della domenica. Riavvolgendo il film della gara gli opsiti partono subito all’attacco al 5’ Buonocore calcia alto dal limite centrale, al 7’ Folliero sfiora l’incrocio con uno spettacolare tiro al volo dal limite centrale, i locali rispondono con Campese all’8’ ma il suo tiro dai 20 metri centrali termina a lato, la maggiore determinazione degli ospiti è premiata al 15’ quando Di Martino realizza su punizione dal limite dx, la Sanità Calcio risponde con una conclusione di Ruggiero dai 25 centrali, che termina a lato, al 21’ grande occasione per i vesuviani con Licciardi che è smarcato solo davanti al portiere a centro area sx, ma il suo pallonetto è deviato in angolo dall’estremo locale, l’ultima azione della prima frazione è sempre per gli ospiti con Di Martino al 27’, la cui punizione dai 30 metri centrali è respinta. Nella seconda frazione dopo una prima fase di studio, la Virtus S. Anastasia sfiora il raddoppio al 61’ con Licciardi, che da ottima posizione impegna in una parata in due tempi Peluso, al 66’ clamorosa occasione per i napoletani che colpiscono il palo con Mazzone Luca che calcia in mischia da distanza ravvicinata sugli sviluppi di una punizione calciata dalla ¾ da Di Maio, dopo questa occasionissima non si assistono ad azioni degne di nota, ma è una fase di grande agonismo, infatti, si combatte su ogni pallone, la grande determinazione e voglia di entrambe le squadre, regala alla sfida un finale pirotecnico, nel quale le occasioni fioccano, all’82’ Campese di testa da sottomisura centrale, impegna in una deviazione in corner Esposito Pietro, all’85’ clamoroso errore di Licciardi che tutto solo a centro area sx calcia incredibilmente fuori, all’86’ arriva il meritato pareggio per i locali con Buonfante che insacca in tuffo di testa una perfetta punizione di Barbato battuta dal vertice alto sx, sulle ali dell’entusiasmo i locali sfiorano il clamoroso ribaltone all’89’ con Di Maio che parte sulla dx, e calcia da centro area, ma la conclusione è deviata con un grande intervento in corner, come spesso accade rete sbagliata rete subita, infatti, al 93’ Esposito Fabio realizza da centro area dx con una spettacolare conclusione imparabile. Termina dunque 2 a 1 per gli ospiti che continuano la scalata alla vetta della classifica, viceversa quarta sconfitta consecutiva per i locali, la cui posizione in classifica inizia a preoccupare seriamente, ma se anche contro avversari di pari livello giocherà con questa intensità e determinazione la salvezza non sarà una chimera. Buona la direzione di gara se si eccettua il grave errore al 25’ quando trasforma un netto calcio di rigore per i locali in una punizione sulla linea dell’area di rigore ad aggravare l’errore nessun provvedimento preso per gli ospiti nell’occasione della punizione concessa.

Edgardo Spiezia