CONDIVIDI

ACERRANA 1-2 SANTA MARIA LA FOSSA

1461135_1003758302983967_2764090609936758450_n

 

Prima sconfitta dell’Acerrana tra le proprie mura. Al Comunale di via Manzoni passa il Santa Maria La Fossa che, allo scadere, conquista i tre punti e la vetta della classifica. Rammarico, invece, in casa granata, per il rigore sbagliato dal bomber Panico che poteva portare gli uomini di Borriello sul doppio vantaggio a metà del primo tempo

 

La partita – L’Acerrana dopo la vittoria sul Quartograd e il pareggio sul campo dell’Albanova è attesa dalla terza sfida di vertice consecutiva.

Ospite di giornata, al Comunale di Acerra, il Santa Maria la Fossa, unica compagine di vetta, insieme proprio ai granata, ad aver già osservato il turno di riposo.

Le vittorie esterne di Quartograd e Albanova costringono le due squadre a non contemplare il pareggio come risultato della sfida.

Mister Borriello propone ormai il collaudato 3-5-2, nel quale fa l’esordio da ala sinistra Piscopo al posto di un acciaccato Lo Prete. A centrocampo ancora spazio al trio Tufano, Sais e Di Sena, con Noviello, scalpitante, in panchina. In attacco tocca al duo Assanti-Panico provare a mettere paura ad una delle difese meno battute del campionato.

Di contro mister Amato schiera i suoi con un attento 4-4-1-1 con Constestabile a supporto del numero 11 Parente.

Classico avvio casalingo prepotente dei granata che già al 5’ pt si presentano a tu per tu davanti a Di Bartolomeo con Assanti che, servito da Panico, schiaccia troppo il destro da posizione favorevole. Il pallone è quindi facile preda per la respinta del n° 1 biancoblu.

Al 15’ pt è invece Sais a spaventare gli ospiti con un destro potente e preciso, calciato a volo dal limite dell’area di rigore, il quale termina di poco a lato alla sinistra di Di Bartolomeo.

Un minuto dopo i granata passano. Assanti vince un rimpallo e si invola verso la porta dei fossatari, a tu per tu con Di Bartolomeo serve Tufano, accorso in soccorso dell’attaccante granata, il cui colpo di testa è vincente. L’Acerrana è così avanti di una rete a zero.

Il goal dei padroni di casa infiamma il pubblico del Comunale.

1513814_372795916214457_8212875791263072583_n

Gli ospiti però regaiscono subito: al 18’ ci prova l’attaccante Parente a dare la scossa i suoi, con un tiro dal limite dell’area che si alza però oltre la traversa della porta difesa da Selvaggio.

Al 26’ l’episodio che può già chiudere i conti: lo scambio tra Assanti e Tufano è di alta classe, il cross dell’attaccante è deviato con un braccio dal difensore Cantiello. Per il direttore di gara Garofalo non ci sono dubbi, è calcio di rigore. Dagli undici metri si presenta Panico, bomber degli acerrani: il tiro è angolato, ma Di Bartolomeo si supera e respinge la sfera.

Il rigore sbagliato spegne l’entusiasmo dei granata ed accende le speranze degli ospiti.

Al 32’ è il difensore Parente ad andare vicino alla rete del pareggio con una rovesciata che si stampa, lenta, sul palo.

Sul vantaggio granata termina il primo tempo.

La ripresa è tutta per gli ospiti che dopo pochi minuti trovano il pareggio. Al 2’ st è infatti il neo entrato Raimondo, lasciato colpevolmente solo in area, che batte Selvaggio con un destro ravvicinato potente. Una distrazione, dovuta alla poca attenzione al rientro in campo, regala il pareggio così a fossatari.

Ammortizzato il colpo, i ragazzi di Borriello tentano la reazione. Ci prova Panico su punizione, al 7’st, ma il suo mancino è si potente ma centrale e facile preda di Di Bartolomeo.

L’occasione più ghiotta arriva però al 21’ st, sempre con Panico, che si ritrova tra i piedi un pallone vacanti dopo un corner battuto dai padroni di casa e calcia di destro verso la porta avversaria ma è ancora Di Bartolomeo, incubo dell’attaccante granata quest’oggi, a deviare in corner.

Poi un occasione a testa: al 35’ per gli ospiti con Amato il cui colpo di testa termina di poco a lato e al 44’ per i padroni di casa con Passaro, direttamente da corner, il cui stacco imperioso è poco preciso finisce sul fondo.

La partita sembra avviarsi verso il pareggio, ma al 96esimo, allorquando i tifosi già si accingevano ad abbandonare gli spalti del Comunale, arriva la doccia fredda per l’Acerrana. L’attaccante Parente recupera palla al limite della propria area e con uno scatto da centometrista giunge a tu per tu con Selvaggio e lo trafigge con un destro potente.

Clamoroso al Comunale. Il Santa Maria la Fossa passa al fotofinish, grazie ad una bella rete del proprio attaccante e conquista così la vetta della classifica, superando l’Albanova, vittoriosa ieri sul campo del Mondragone.

All’Acerrana resta invece solo il rammarico, per un vantaggio che poteva e doveva essere gestito in maniera diversa. L’esperienza superiore dei casertani ha fatto la differenza e per gli uomini di mister Borriello questa partita non può che costituire un importante tassello per una maggiore crescita, mentale prima ancora che tecnica.

Vittoria indiscutibile, invece, per i tifosi, tanti, accorsi ancora una volta in massa per supportare ed incitare il Toro granata.

 

Tabellino:

 

Acerrana: Selvaggio, Messina (28’ st Noviello), Piscopo, Mondella, De Chiara, Passaro, Tufano, Di Sena, Assanti (22’ st Petrella), Panico, Sais.;

A disp. : Busto Gia., Castaldo, Ponticelli, Nocera, D’Amore;

All. Borriello

 

Santa Maria la Fossa: Di Bartolomeo, Ravo, Cantiello (29’st Argenziano), Amato, Verrillo, L. Parente, Contestabile (1’st Giusti), Rota, Altieri, Pezzullo (1’st Raimondo), A. Parente;

A disp. : Perillo, Luiso, Leccia, Salzillo.

All. Amato

 

Arbitro: Garofalo di Torre del Greco

 

Marcatori: 16’ pt Tufano (Acerrana); 2’ st Raimondo, 51’ st A. Parente (SMLF)

 

Ammoniti: Mondella, De Chiara, Sais, Panico, Di Sena (Acerrana); Cantiello, Verrillo, Ravo (SMLF)

 

Note: Espulsi Mondella e il tecnico Borriello (Acerrana) per proteste a fine gara. Spettatori 600 circa

 

Foto di Giusy Messina

Ufficio Stampa a.s.d. Polisportiva Acerrana