CONDIVIDI

image

Atletico Sanità – Juve Domizia 4 – 3

Atletico Sanità:

Sacco Luigi, Di Pietro, D’ Antonio (95’ Alfano), Vinacci (64’ Cammarota), Di Vaio, Barone (64’ Polidoro), De Francesco (70’ Acunto), Fabozzi (86’ Panico), Cancello, La Sala, Arnone

A disp: Lombardi, Starita

Allenatore: Barile

Juve Domizia:

Del Gaudio, Polverino (72’ Adinolfi), Ferranto, Lubrano (86’ Viola), D’ Angelo, Ferrazzoli, Lardo (68’ Lucci), Becere (37’ Palumbo), Maddaluno, Pollio, Carandente

A disp: Maddaluno, Cangemi

Allenatore: Sardo

Angoli: 2-2

Ammoniti: 42’ Cecere (J) 92’ Polidoro e 93’ Panico (AS)

Reti: 34’ Arnone (AS) 52’ Carandente e 63’ Pollio (J) 71’ Arnone e 72’ La Sala (AS) 85’ su rig. Lubrano (J) 92’ Polidoro (AS)

Note: primo tempo 46’ – secondo tempo 52’

Spettatori: 50 circa con rappresentanza ospite

La capolista Atletico Sanità ingrana la quarta e stacca gli avversari odierni, che prima della gara erano appaiati con i locali in testa alla classifica, questa è la prima fuga vera della stagione, un inizio di campionato trionfale per i ragazzi di patron De Francesco 4 vittorie in altrettante gare. Riavvolgendo il film della gara nella prima frazione si assiste ad una gara molto gradevole, giocata con molto agonismo e su ritmi altissimi, ma occasioni degne di nota non ci sono, infatti, le squadre pur sciorinando ottime trame, si equivalgono, annientandosi a vicenda, in un tale contesto solo una prodezza poteva aprire la gara, gemma che arriva al 34’ quando Arnone finalizza dal limite centrale, una perfetta manovra corale di squadra.Nella seconda frazione l’agonismo e la tecnica rimangono molto elevati, ma complice l’allungamento delle squadre, che giocano sempre all’attacco senza basare a difendersi, né giova lo spettacolo, infatti, la seconda frazione è spettacolare e ricca di segnature, al 52’ Carandente appoggia in rete un perfetto cross di Palumbo autore di un grande spunto sulla dx, prima di crossare al centro per lo accorrente compagno di squadra, che insacca, sulle ali dell’entusiasmo i flegrei capovolgono il risultato al 63’ con Pollio che finalizza un contropiede sulla sx, concluso con un tiro appena dentro l’area dopo aver triangolato con un compagno, i locali colpiti nell’orgoglio si scatenano gettandosi all’attacco, al 68’ a Polidoro non riesce il tap-in al volo da distanza ravvicinata centrale, la sua conclusione termina alta, al 71’ Arnone realizza su punizione calciata in prossimità del vertice dx, al 72’ La Sala parte sulla ¾ dx, realizzando con una precisa conclusione diagonale appena dentro l’area, al 75’ gli ospiti si fanno vedere con Pollio la cui punizione centrale dai 25 metri è parata in due tempi, il finale è ancora scoppiettante, all’85’ la Juve Domizia perviene al pareggio con Lubrano che realizza un calcio di rigore concesso per una trattenuta in area, ma le emozioni non finiscono, infatti, in pieno recupero al 92’ Polidoro risolve un’affollata mischia in area avversaria, regalando ai suoi la vittoria. Termina dunque 4 a 3 per l’Atletico Sanità che resta capolista solitaria a punteggio pieno, ma gli ospiti escono tra gli applausi dei locali, infatti, hanno dimostrato di essere insieme ai napoletani una spanna sopra le altre compagini del girone.

Edgardo Spiezia