CONDIVIDI

Sanità Calcio – Plajanum Uniti Gesin (Chiaiano) 0 – 1

Sanità Calcio:

Peluso (83’ Ascolese), Perretti (56’ Buonfante), Palumbo, Quarto, Mazzone Eduardo, Savarese, Arena, Formato, Arnò, Barbato, Bevilacqua (79’ Marsiglia)

A disp: Pezzella

Allenatore: Cuomo / Vitolo

Plajanum Uniti Gesin (Chiaiano):

Esposito Antonio, Cuomo Ciro (79’ Martello), Esposito Diego, Procentese, Bastone, Signorelli, De Martino, Cuomo Antonio (74’ Vastarella), Angelino (59’ Giordano), Ruggiero, Sacco

A disp: Chioccarelli, Marzocchi, Ciccarelli, Manferino

Allenatore: Silvestro

Arbitro: Russo di Torre Annunziata

Angoli: 6-2

Ammoniti: 75’ Palumbo e 92’ Quarto (S) 22’ Cuomo Antonio, 76’ Cuomo Ciro e 87’ Esposito Diego (P)

Reti: 92’ Ruggiero su rigore

Note: gara giocata a porte chiuse con un gruppo di tifosi locali sul belvedere della Basilica di Capodimonte – recupero primo tempo 1 minuti, secondo tempo 4 minuti

DSCF3992

Al “San Gennaro dei Poveri” in una cornice deserta e spettrale (si è giocato a porte chiuse , per la mancata agibilità , causa l’inefficienza del Comune di Napoli , che non garantisce nemmeno i servizi minimi ed ordinari per la manutenzione dell’impianto) , nell’ultima giornata del primo turno di Coppa Campania 1° categoria (girone 17) , vittoria corsara del Plajanum Uniti Gesin (Chiaiano) , che nel derby cittadino s’impone di misura per 1 a 0 contro la Sanità Calcio, al termine di un incontro equilibrato e combattuto, ma molto brutto dal punto di vista spettacolare , soprattutto nella prima frazione di gioco. Passando alla cronaca come detto la gara nella prima frazione è molto brutta dal punto di vista spettacolare , l’unica occasione degna di nota è per i locali con Savarese al 36’ il cui colpo di testa da distanza ravvicinata in posizione centrale è deviato in corner , da segnalare l’ottima azione e il conseguenze cross dal vertice alto sx di Palumbo , prima e dopo questa azione il nulla , solo fraseggi e lotta su ogni pallone nella zona centrale del campo. Nella seconda frazione le squadre si allungano e lo spettacolare né giova, al 53’ Esposito Diego calcia al volo di contro balzo dai 25 metri centrali, ma la sua conclusione colpisce la traversa interna, sulla ribattuta colpo di testa a colpo sicuro da sottomisura centrale di Ruggiero, ma è strepitoso il recupero di Peluso che devia in angolo la conclusione quasi vincente dell’avversario, i locali rispondono con una doppia occasione, prima con Arnò al 57’, che calcia in mischia da centro area in prossimità del dischetto, ma la sua conclusione è deviata in corner, e poi al 64’ con Bevilacqua, che su punizione calciata dal vertice sx, impegna in una respinta con i pugni l’estremo ospite, il resto della frazione vede le squadre affrontarsi prevalentemente a centrocampo, senza occasioni degne di nota, infatti, per registrare un’emozione si deve attendere il 90’ quando Ruggiero calcia al volo dal limite centrale, ma la sua conclusione termina a lato, proprio mentre sulla gara scorrevano già i titoli di coda, e si avviava al salomonico pareggio ad occhiali, logica conseguenza per una gara brutta e poco spettacolare, arriva una cervellotica decisione del direttore di gara che assegna un calcio di rigore molto dubbio alla Chiaiano per un presunto fallo di mano di Quarto, che ha l’unico demerito di entrare nell’azione in modo scoordinato, dal dischetto realizza al 92’ Ruggiero. Termina dunque 1 a 0 per gli ospiti, un risultato che elimina entrambe le squadre dalla competizione tricolore, a parziale scusante della sconfitta è doveroso segnalare, che i locali si sono presentati alla gara odierna in formazione molto rimaneggiata solo 15 elementi, assenti tra gli altri Di Pauli, Nuzzolese, Di Maio, De Maio, Mazzone Luca, nonché Pelorosso e Mango.

 

Edgardo Spiezia