CONDIVIDI
arzanese
L’Arzanese vince ancora e si porta a due punti dal treno playout. Un successo fondamentale, arrivato nei minuti finali che conferma quanto di buono ottenuto in questa seconda parte di stagione dai ragazzi di Marra, sempre più motivati a raggiungere il fatidico dodicesimo posto.
Salgona a diciassette invece le reti stagionali di Ripa, sempre più capocannoniere ma capace fino a quel momento di sbagliare un calcio di rigore e di fallire altre occasioni favorevoli.
Per l’Arzanese, che nel girone di ritorno ha raccolto ben 27 punti (dietro solo al Messina con 33), il distacco dagli spareggi si è dimezzato da quattro a sole due lunghezze, con altrettante gare al termine. Un campionato sempre più entusiasmante, da vivere con il fiato sospeso per altri 180’.
Dopo il rigore parato da Fiory a Teramo della settimana scorsa, i minuti finali sorridono ancora a Sasà Marra. Il tecnico campano doveva fare a meno di Caso e Mora, squalificati, e di Mangiacasale, acciaccato ed entrato solo a 5′ dal termine. A centrocampo confermato il pacchetto di sette giorni fa, in attacco si rivede Improta dal 1’. Nel Foggia solo panchina per Cavallaro, al suo posto Venitucci dietro le punte Giglio e Leonetti.
L’approccio dei partenopei è molto deciso, e a sbloccare il risultato è Sandomenico, al secondo gol consecutivo. L’attaccante è bravo a convergere al centro dalla destra e a concludere con il piede mancino siglando la terza rete stagionale. Il Foggia riesce a pungere soprattutto nel finale di primo tempo, con Giglio che colpisce il palo interno, poi è Filosa a mancare di poco il bersaglio grosso e allo scadere con Grea che conclude alto. Nel mezzo, un gran primo tempo di marca biancoceleste, con Improta e Sandomenico a dettare legge sulle rispettive fasce di competenza, senza però riuscire a segnare il pur meritato raddoppio.
Nella ripresa l’undici di Padalino non riesce a creare vere e proprie occasioni da rete, anzi. Ad andare vicinissima al raddoppio è la formazione campana, con Ripa inspiegabilmente impreciso dagli undici metri. Poco male, a segnare è Palumbo che è bravo ad anticipare tutti sul primo palo e a spedire in rete l’assist di Sandomenico dal corner. È il 23’ e per l’Arzanese sembra fatta.
A riaprire il match ci pensa però Agnelli con una punizione dai 25 metri che fulmina Fiory. Passano soli 3’ e al 39’ è il nuovo entrato Cavallaro a pareggiare i conti. Il blackout biancoceleste è risolto allo scadere proprio da bomber Ripa che si fa perdonare e segna il gol vittoria a porta vuota. Gol facile quanto importante, che tiene a galla l’Arzanese e consente alla squadra della famiglia Serrao di continuare a sperare. I playout non sono mai stati così vicini.
Vincenzo Piscopo
Arzanese (4-3-3): Fiory 6.5; Pacini 6.5, Palumbo 7, Patti 6.5, Polverino 6.5; Castellano 7 (40’ st Mangiacasale sv), Giannusa 7, Ricci 7 (26’ st Ausiello 6.5); Sandomenico 7 (44’ st Giacinti sv), Ripa 7, Improta U. 7. A disp.: Sollo, Monaco, Rizzo, Figliolia. All.: Marra.
Foggia (3-4-1-2): Micale 6.5; Loiacono 6, Filosa 6, Sciannamè 5.5; Grea 5.5 (13’ st Agostinone 6), Sicurella 5.5 (31’ st Cavallaro 6.5), Agnelli 6.5, D’Allocco 5.5; Venitucci 6.5; Leonetti 5 (1’ st Kyeremateng 5.5), Giglio 6. A disp.: Narciso, Pambianchi, Savarise, Colombaretti. All.: Padalino.
Arbitro: Guccini di Albano Laziale.
Marcatori: 15’ pt Sandomenico, 23’ st Palumbo, 36’ st Agnelli, 39’ st Cavallaro, 44’ st Ripa.
Note: Al 6’ st Ripa calcia alto un rigore. Ammoniti Leonetti, Ricci, Castellano, Giannusa, Ripa. Spettatori 250 circa.
Vincenzo Piscopo
Addetto Stampa Us Arzanese