CONDIVIDI
arzanese
L’Aversa Normanna sfata il tabù vittoria con l’Arzanese e si aggiudica il derby contro i cugini biancocelesti al termine di una gara maschia e combattuta, giocata più sui nervi che sul palleggio da entrambe le squadre. Con questa sconfitta, i partenopei, ancora ultimi a tre punti, si allontanano ulteriormente dalla zona playout, ora distante ben 10 lunghezze. Clima ovviamente opposto per i normanni, che colgono la seconda vittoria consecutiva e salgono a quota 16 in classifica, dimostrando carattere e grinta da vendere.
Nei padroni di casa, mister Marra conferma il blocco che sette giorni fa aveva convinto e impressionato positivamente a Lamezia, con il solo cambio forzato sull’out sinistro con Picascia al posto dello squalificato Funari. A centrocampo è ancora Gori a fare da regista a causa della defezione di Giannusa. In attacco confermati Ripa e Improta, autori di una ottima prestazione in Calabria. Sul fronte aversano, Di Costanzo schiera un mix di quantità e qualità a centrocampo, con De Rosa a macinare chilometri e Di Vicino ad inventare per l’unica punta Orlando. Più defilato sulla sinistra l’esperto Galizia, che deciderà il match con un bel colpo di testa nella ripresa.
Già dai primissimi secondi di gioco si capisce che la gara offrirà ben poco dal punto di vista dello spettacolo. Il sig. Ceccarelli estrae il giallo a Caso già al 15’’, ammonendo il capitano arzanese per una entrata dura su Orlando. Le squadre sembrano nervose e faticano ad imbastire azioni degne di nota, e a 10′ dal termine del primo tempo l’arbitro è ancora protagonista. L’entrata di Esposito su Improta C. è diretta sull’uomo e il rosso diretto è sacrosanto. L’episodio potrebbe dare una svolta alla partita, ma l’Aversa ha il merito di organizzarsi in difesa, con l’ingresso di Djibo come terzino sinistro a coprire il vuoto lasciato dall’espulsione, e di non rinunciare ad attaccare nonostante l’inferiorità numerica. La parità degli uomini in campo viene ristabilita al 18’ della ripresa, quando il rosso stavolta tocca a Caso, reo di una entrata a braccia larghe su Orlando. Dopo l’espulsione del suo capitano, le folate offensive dell’Arzanese perdono vigore, e a crederci nuovamente sono ancora gli ospiti. Da una bella sgroppata di Nocerino, ex di turno, nasce il cross che il difensore indirizza sulla testa di Galizia, bravo a trovare di testa l’angolo lontano, siglando il gol vittoria. Marra prova a scuotere i suoi inserendo un attaccante, Figliolia, a battagliare nel mezzo dell’area di rigore. Nel finale l’Arzanese perde anche Castellano, espulso per doppia ammonizione, ma va comunque vicina alla rete, con un bel cross di Merito dalla sinistra che non trova alcuna deviazione. L’assedio finale, nonostante i 9 uomini contro 10, non viene premiato. A sorridere è l’Aversa Normanna. Per l’Arzanese, forse, è già troppo tardi.
Il Tabellino
Arzanese-Aversa Normanna 0-1
Arzanese (3-5-2): Fiory; Monaco, Caso, Castellano; Improta C., Ausiello (8’ st Giacinti), Gori (25’ st Figliolia), Leone, Picascia (17’ st Merito); Improta U., Ripa. A disp.: Mormile, Monti, Palumbo, Insigne. All.: Marra.
Aversa Normanna (4-1-4-1): D’Agostino; Nocerino, Prevete, Porcaro, Esposito; Suarino; Del Prete (2’ st Djibo), De Rosa, Di Vicino, Galizia; Orlando (27’ st Vicentin). A disp.: Salese, Miraglia, Villanova, Castaldi, Varsi. All.: Di Costanz
Arbitro: Ceccarelli di Rimini.
Marcatore: 24’ st Galizia.
Note: Al 36’ pt espulso Esposito (Av) per gioco scorretto. Al 18’ st espulso Caso (Ar) per gioco scorretto. Al 39’ st espulso Castellano (Ar) per doppia ammonizione. Ammoniti Caso, Di Vicino, Orlando, D’Agostino, Leone. Spettatori 300 circa.

Fonte: Comunicato stampa – Vincenzo Piscopo – Addetto Stampa Us Arzanese