CONDIVIDI

Roberto Sica - Marassi

Un vero peccato. Quel gol nel finale, proprio non ci voleva. A Roma , il Napoli ha dimostrato una gran prova di forza con una splendida reazione che ha permesso alla squadra azzurra di rimontare due reti alla Roma di Garcia, che, con l’estro, la fantasia e la concretezza di capitan Totti, con l’imprevedibilità e la velocità di Gervinho e un solido centrocampo, nel primo tempo aveva annichilito gli azzurri con un 2-0, sul quale però, la difesa azzurra aveva qualche responsabilità di troppo, soprattutto in occasione del vantaggio giallorosso, che seppur viziato da un fuorigioco millimetrico, ha evidenziato qualche problema in fase difensiva, dove gli azzurri hanno lasciato andar via troppo facilmente Gervinho, che dopo aver scavalcato anche Reina in uscita, ha depositato facilmente in rete il gol dell’1-0.

Da cineteca, invece il raddoppio dei giallorossi, con un tiro imprendibile del solito Strootman che pesca il gol della domenica e infila Reina all’incrocio dei pali.

Nella ripresa il Napoli ha cambiato marcia, e dopo l’innesto di Mertens ha messo alle corde la Roma, prima accorciando le marcature con un gol del Pipita Higuain ben lanciato da Un Lorenzo Insigne volenteroso, e poi, pareggiando il conto dei gol grazie ad una bella azione del belga Dries Mertens, che dopo una percussione centrale, ha battuto in uscita l’ex azzurro Morgan De Sanctis, regalando il pari agli azzurri.

Nel finale le due squadre hanno dato vita ad una gara bella e avvincente, con continui capovolgimenti di fronte, giocando sigla gara a viso aperto alla ricerca del vantaggio, che, a due minuti dal termine, é stato raggiunto dalla Roma, e finalizzata, ancora una volta da Gervinho, dopo una bella azione confezionata da Destro e Florenzi.

Un vero peccato per il Napoli che era riuscito ad agguantare i giallorossi, e nella gara di ritorno di mercoledì prossimo al San Paolo, avrebbe potuto gestire la partita accontentandosi anche di un pareggio per passare il turno e accedere alla finale.
Ora la squadra di Benitez sarà costretta a fare la partita per segnare almeno un gol e a battere i giallorossi per conquistare la finalissima.

Intanto, l’attenzione si sposta sul campionato e c’è da pensare alla sfida di sabato prossimo al San Paolo contro il Milan di Clarence Seedorf. Dopo il passo falso contro l’Atalanta a Bergamo e i due pareggi con Bologna e Chievo, il Napoli deve provare a ritrovare i tre punti in una sfida che prometterà di certo spettacolo.

Roberto Sica