CONDIVIDI

L’Editoriale di Roberto Sica

Roberto Sica - Marassi

Era importante iniziare al meglio il nuovo anno.  Nel giorno della befana, grazie a un Super Mertens, autore di una doppietta e di una grande prestazione, il Napoli conquista tre punti importanti battendo per 2-0 la Sampdoria di Mihajlovic. Tre punti che consentono agli azzurri distaccare la Fiorentina e di riavvicinare la Roma sconfitta ieri dalla Juventus capolista, e infondono all’ambiente una grande dose di ottimismo  dopo il pareggio esterno a Cagliari prima delle feste di Natale.

La squadra di Benitez, in formazione rimaneggiata a causa dei numerosi infortuni, vince e convince, e soprattutto, dopo 8 giornate, riesce a non subire gol. Un dato importante, merito anche dell’ottima prestazione di Rafael, che non fa rimpiangere Pepe Reina e si esibisce anche in un numero di prestigio con i piedi, da buon brasiliano, con un doppio dribbling al limite dell’area azzurra che regala spettacolo ai 56 mila del San Paolo, ma anche qualche brivido. A chiudere la gara ci pensa il belga Dries Mertens, alla sua prima doppietta in Italia e con la maglia azzurra. A fine gara emblematiche le sue parole: “Sono felicissimo, è splendido giocare a Napoli. Essere al Napoli è fantastico, la gente è straordinaria e sono molto contento di aver segnato due gol che valgono un successo importantissimo. Per  noi era fondamentale avvicinarci alle prime posizioni e vogliamo proseguire così”.

E prosegue così il Napoli, per la sua strada e seguendo il lavoro di Rafa Benitez, che insieme agli azzurri, a fine gara ha ringraziato il San Paolo con un giro di campo. Insostenibile la forza dei tifosi partenopei, che oggi erano quasi 60 mila e hanno riempito l’impianto di Fuorigrotta festeggiando l’epifania con un bel successo che rilancia gli azzurri in classifica.

E mentre impazza il calciomercato e si rincorrono voci e trattative, gli azzurri domenica saranno impegnati a Verona, contro i gialloblu di Mandorlini, che oggi hanno espugnato Udine, per l’ultima gara del girone di andata, nel quale Il Napoli ha fatto certamente bene, e così vuole finire il girone di andata.

Roberto Sica