CONDIVIDI

L’Editoriale…di Roberto Sica

Sosta natalizia per il Napoli reduce dal pareggio esterno contro il Cagliari. Nell’ultimo turno di campionato, gli azzurri, fermati al Sant’Elia sull1-1 dai rossoblú, hanno perso ulteriore terreno nei confronti delle dirette avversarie. Juventus, Roma, Inter e Fiorentina, tutte vittoriose, con gli azzurri che rammaricano per tre punti sfumati per un fuorigioco fischiato dall’arbitro che ha vanificato il bellissimo gol di Callejon, che poteva regalare al Napoli tre punti importanti.

La squadra di Benitez dopo 17 giornate é terza in classifica alle spalle di Juventus, prima a 46 punti e Roma seconda a 41 e imbattuta. Per la Roma di Garcia, addirittura 12 successi e 5 pareggi con la casella delle sconfitte che segna ancora zero. Tre invece, le sconfitte per gli azzurri, che oltre aver perso i tre punti contro le dirette rivali Juve e Roma, hanno lasciato l’intera posta in palio anche al Parma di Cassano, unica squadra a violare le mura del San Paolo in questa stagione.

un bilancio comunque positivo per gli azzurri, che dopo l’ottimo girone di Champions, con l’incredibile uscita degli azzurri con 12 punti ai danni di Arsenal e Borussia Dortmund, hanno chiuso un’annata spettacolare riuscendo a far meglio dello scorso torneo.

Intanto il campionato concede una sosta natalizia e trascorso il natale, gli azzurri torneranno in campo il giorno 29 per riprendere gli allenamenti al centro sportivo di Castelvolturno e già impazza il calciomercato, che aprirà ufficialmente le porte il 1 gennaio 2014 e per un mese vedrà rincorrersi voci di acquisti, scambi e vendite più improbabili, come già sta avvenendo in questi giorni. dal ritorno di Lavezzi a Napoli, alla trattativa che vedrebbe El Pipita Higuain lasciare Napoli dopo soli 6 mesi. Suggestioni, fantasie e voci di mercato che non fanno altro che contribuire a creare rumors e far sognare e discutere i tifosi, ma di concreto, se ne parlerà soltanto verso la fine del mese di gennaio, per vedere quali saranno le vere trattive e gli acquisti che potrebbero restituire un Napoli certamente più competitivo e vincente in tutte e tre le competizioni.

Roberto Sica