CONDIVIDI

L’Editoriale…di Roberto Sica

Da non crederci…fuori con 12 punti!!! Napoli eliminato dalla Champions League dopo aver vinto quattro partite su sei…dopo aver conquistato 12 punti nel girone più difficile, dopo aver battuto squadre come l’Arsenal e il Borussia Dortmund. Si!!! É così…il rischio si é concretizzato. Azzurri eliminati dalla Champions…dopo aver lottato,vinto e sofferto. Vittoria amara quella conquistata al San Paolo contro l’Arsenal di Arsene Wenger. Una grande vittoria da parte di una squadra che ha lottato e corso per oltre 90 minuti, pressing asfissiante in ogni zona del campo, massima attenzione in difesa, grande solidità e una voglia matta di far bene, di vincere per credere nell’impresa e far felici quei fantastici tifosi , sempre presenti, sempre a sostegno, che dopo averci creduto fino alla fine, nonostante l’amarezza per la bruciante eliminazione, si sono sciolti in un grandissimo applauso per gli azzurri.

Esce a testa alta il Napoli, agli azzurri non é riuscita l’impresa di vincere con tre gol di scarto contro i Gunners, impresa sfiorata soltanto per un soffio. Il Napoli ci ha creduto fino in fondo. Dal vantaggio di Higuain, al raddoppio di Callejon, che forse é arrivato un tantino troppo tardi…un 2-0 amaro, come le lacrime del Pipita Higuain , che dopo una splendida combinazione con Callejon , mette a segno il meraviglioso gol del vantaggio facendo esplodere il San Paolo. Una rete tanto bella quanto inutile ai fini della qualificazione, bello anche il delizioso pallonetto a scavalcare di Callejon, due reti bellissime vanificate dal gol del Borussia a Marsiglia, che ha regalato il successo ai tedeschi e la qualificazione agli ottavi, a braccetto con l’Arsenal. Napoli retrocesso in Europa League.

Non era mai capitato che una squadra fosse eliminata dalla fase a gironi di Champions League dopo aver conquistato 12 punti e dopo aver vinto 4 partite su sei disputate. Non ci crede il Napoli, e fatica a crederci il Pipita: “Essere eliminati così è qualcosa di assurdo. Nessuno ha fatto 12 punti negli altri gironi eppure si sono qualificati. Noi abbiamo disputato una bellissima Champions e meritavamo di passare il turno. E’ la prima volta che capita una cosa simile. Davvero incredibile. Però la squadra ha dimostrato il suo valore e adesso vogliamo proseguire così. Adesso ci concentreremo sul campionato e poi ci sarà l’avventura in Europa League a febbraio”.

E adesso é proprio al campionato che deve pensare il Napoli. Resta ancora l’amarezza per il passaggio del turno sfumato in questo modo, ma resta, più che mai, la consapevolezza di aver dato il massimo e di aver disputato una grande champions, e di aver giocato alla pari con squadre del calibro di Borussia e Arsenal, tra le migliori in Europa. Una consapevolezza che il Napoli dovrà subito metter in campo a partire da Domenica prossima al San Paolo, quando arriverà l’Inter degli ex Walter Mazzarri e Hugo Campagnaro. Una sfida importante per le sorti del campionato e per il morale della squadra che vuole regalare una grande gioia ai tifosi azzurri, con la consapevolezza di dare sempre il 100%.

Roberto Sica