CONDIVIDI

bob marassi

Cinque gol per chiudere una buona stagione. Il Napoli al San Paolo davanti a diecimila bambini batte 5-1 il Verona e chiude il campionato al terzo posto, alle spalle di Juventus e Roma. Un risultato buono, che poteva essere ancora migliore secondo le attese di inizio stagione, ma che è stato comunque impreziosito dalla vittoria della Coppa Italia contro la Fiorentina. Seconda coppa Italia vinta dagli azzurri in tre anni, e conquista della Champions League passando per i preliminari, dove il Napoli sarà testa di serie. E poi l’Europa, La Champions e l’Europa League, straordinario il girone degli azzurri, primi a 12 punti insieme a Borussia e Arsenal, ma fuori dalla Champions per un soffio. Non è andata di certo meglio l’Europa League con gli azzurri che sognavano la finale di Torino, ma sono stati eliminati dal Porto.

Un bilancio comunque positivo per Rafa Benitez nella sua prima stagione in azzurro con una squadra completamente nuova e con tante nuove pedine. Ottimo il campionato di tanti nuovi arrivi Da Gonzalo Higuain, che in attacco ha fatto la sua parte realizzando ben 25 reti tra Campionato (17 in 31 gare), Coppa Italia, 3 reti in 5 partite) e in Europa (10 presenze 5 gol). Un bottino di tutto rispetto per Gonzalo che doveva essere l’erede del Matador Cavani. A fare la differenza c’è stato l’intero pacchetto avanzato schierato da Benitez. Mentre in passato a segnare era solo il Matador, in questa stagione la davanti sono stati segnati ben 88 Reti sommando tutte i gol messi a segno tra campionato e coppe da Hamsik, Higuain, Callejon, Mertens, Insigne, Pandev e Zapata. Un potenziale d’attacco importante per il Napoli che ha consentito agli azzurri di disputare una grande stagione e di portare un trofeo a casa. Questo e altro si aspettano i tifosi azzurri che non nascondono un pizzico di amarezza per non aver conteso il tricolore alla Juventus e alla Roma. Due squadre che hanno condotto un cammino da record in campionato e con gli azzurri impegnati su tre fronti non era così facile tenere il passo da record della squadra di Conte e Garcia.

Da applausi, come detto in precedenza, la stagione dei nuovi arrivi. Callejon su tutti. Benitez a Dimaro non si era sbagliato quando aveva pronosticato 20 reti per lo spegnolo tre lo scetticismo generale. L’ex madrid ha smentito tutti dando ragione al suo allenatore e ripagando la sua fiducia con 20 perle. OIttimo anche l’inserimento di Dries Mertens, che dal Ballottaggio con Insigne si è imposto conquistando il posto da titolare e trovando un’intesa anche con Lorenzo, quando i due spesso sono stati addirittura schierati insieme. Non a caso entrambi hanno messo il timbro sulla finale di coppa Italia nella notte di Roma. Lorenzo, il Magnifico, appunto. Con la doppietta di quella serata si è guadagnato a pieni voti il biglietto aereo per il Brasile e sarà tra i protagonisti dei 23 di Prandelli per i campionati del Mondo in Brasile. Una chance importante per Lorenzo che rappresenterà Napoli in Brasile e che di certo potrà dare il suo contributo agli azzurri.

Tanti gli azzurri che saranno protagonisti in Brasile. Dopo l’esclusione di Callejon è arrivata anche quella di Maggio che però non è stato convocato da Prandelli, anche perché non ha brillato in questa stagione. Da applausi, invece, la convocazione del brasiliano Henrique che in Brasile farà gli onori di casa dopo aver guadagnato un’importante convocazione dopo essersi imposto con la maglia azzurra giocando in tanti ruoli diversi a dispetto di tanto scetticismo al suo arrivo a Napoli. Una grande soddisfazione per il brasiliano e per il Napoli.

Intanto, mentre stanno per cominciare i mondiali si guarda alla prossima stagione. Messo a punto il primo acquisto in difesa con la firma di Koulibaly proveniente dal Genk, Bigon, Benitez e lo staff azzurro lavorano per la prossima stagione che inizierà con il ritiro di Dimaro. Nell’attesa di vivere le notti sudamericane con tutti gli eventi del Mondiale pian piano nascerà il nuovo Napoli, e magari, proprio dal Brasile (i giocatori che giocheranno il mondiale ndr.) potrebbero arrivare i nuovi giocatori che vestiranno la maglia azzurra, per una stagione che, si spera, sarà ancora più entusiasmante e ricca di successi per il Napoli e i napoletani.

Roberto Sica