CONDIVIDI

diluca

Il Tribunale Nazionale Antidoping a Roma ha radiato Danilo Di Luca. Il corridore abruzzese è stato squalificato a vita dopo la positività dello scorso 29 Aprile all’eritropoietina. E’ il primo caso di radiazione per un corridore italiano. All’uscita del tribunale il “killer di Spoltore” ha rilasciato una dichiarazione all’Ansa: ”Era già tutto scritto, evidentemente devo pagare per tutti”. Infine ha risposto anche in maniera sibillina alla provocazione del Presidente della Federciclismo Di Rocco che lo ha definito uno stupido. ”Anche lui avrà commesso degli errori in vita sua, chi mi conosce sa che quel che ho vinto l’ho vinto per le mie doti” ha concluso all’Ansa Di Luca.

La Redazione