CONDIVIDI

32785-gonzalo-higuain-attaccante-del-napoli

Il Napoli batte la Lazio 4-2 e si riscatta dopo la pessima prestazione di Parma. Per gli azzurri grande prestazione di Higuain e Mertens mattatori di giornata. Prima del match applausi a scena aperta per l’ex Reja sempre amato dal popolo azzurro.
Benitez schiera una formazione sorprendente lasciando in panchina Callejon e Hamsik con Pandev e Insigne in campo. Anche negli altri settori del campo ci sono delle sorprese: Britos sostituisce Fernandez mentre a centrocampo Berhami fa respirare Inler.
Nel primo tempo il Napoli parte bene cercando di riscattare la brutta prestazione di Parma. Subito pericolosi gli azzurri con Insigne caricato dalla sua prima da capitano al San Paolo. La Lazio al primo tiro passa in vantaggio con Lulic che disorienta Albiol e in diagonale batte Reina. Dopo lo svantaggio il Napoli prova a scuotersi ancora con Insigne ma il suo tiro finisce alto. Dopo una pressione asfissiante il Napoli perviene al pareggio: Mertens dopo aver superato due avversari lascia partire un grande destro che si spegne nell’angolino alto.
Nel secondo tempo subito la svolta del match: Mertens entra in area e viene atterrato da Cana. Per l’arbitro è rigore e doppio giallo per il biancoceleste. Sul dischetto va Higuain che non sbaglia. Per il Pipita è il quindicesimo gol in serie A.
Passano pochi minuti e gli azzurri calano il tris ancora: ancora una volta è Higuain a bucare la porta di Berisha dopo un grande controllo di testa da far vedere nelle scuole calcio. Dopo il doppio vantaggio il Napoli si rilassa e sfiora più volte il poker prima sempre con Higuain e poi con Insigne. A pochi minuti dal termine una leggerezza di Britos permette alla Lazio di accorciare con il nigeriano Onazi che con un doppio tocco supera Reina riaprendo il match. Negli ultimi minuti la Lazio prova a crederci ma è ancora Gonzalo Higuain a scacciare la paura e a firmare la sua prima tripletta con il Napoli.Per il Napoli i preliminari di Champions sono sempre più vicini. Per la Lazio l’Europa League si allontana sempre più.
Luigi Iervolino