CONDIVIDI

Il colombiano non si è ancora ripreso dai problemi fisici: al suo posto Mesto.

Ansie da cafeteros: il Napoli che si appresta a vivere le ultime ore prima del big match contro la capolista Roma si trova alle prese con un rebus di formazione tutto in salsa colombiana.

Se Christian Maggio appare ormai recuperato e pronto a riprendere il suo posto sull’out destro in difesa, il problema si riscontra sulla corsia mancina con Zuniga ancora fuori causa problemi fisici agli adduttori ed il suo connazionale Armero che solo in queste ore sta rientrando in Italia insieme all’argentino Fernandez: difficile quindi ipotizzare un suo schieramento sulla corsia sinistra dei difensori, più facile a questo punto credere che Rafa Benitez voglia sperimentare sulla fascia mancina Giandomenico Mesto. Il gregario calabrese ex Reggina e Genoa, fedelissimo di Walter Mazzarri, si è finora ben disimpegnato quando è stato chiamato in causa e la sua duttilità potrebbe fare al caso dello spagnolo per far fronte ai vari Gervinho, Liajic e Totti.

Per il resto nessun dubbio, con Albiol ed Higuain che hanno recuperato pienamente dai loro acciacchi e che guideranno rispettivamente difesa ed attacco; in mediana riecco la coppia svizzera Inler-Behrami, mentre alle spalle del Pipita agirà il solito trio delle meraviglie composto da Insigne, Hamsik e Callejon. In tribuna potrebbe esserci un tifoso d’eccezione in più per gli azzurri, con Diego Armando Maradona che solo ventiquattro ore fa è atterrato a Milano e nella sede della Gazzetta dello Sport nel corso di una cerimonia si è candidato per il dopo Benitez: all’Olimpico ha l’occasione di rivedere da vicino il suo passato dopo ben 23 anni dalla sua ultima partita in azzurro. Un passato che potrebbe anche essere il suo futuro…
(Fonte foto: Rete Internet)