CONDIVIDI

benitez tuta

 

Rafa Benitez è intervenuto in conferenza stampa a Castelvolturno in vista della trasferta di campionato contro il Sassuolo di Malesani. Il tecnico spagnolo si è soffermato sulla sfida contro gli emiliani e sulla grande vittoria di mercoledi in Coppa Italia contro la Roma. Ecco le sue parole:

“Col Sassuolo è la partita più importante, abbiamo la possibilità di crescere, di dare continuità al campionato e di guadagnare fiducia per l’avventura in Europa League. Voglio la stessa mentalità che la squadra ha mostrato nelle ultime gare. Di fronte avremo un avversario che si è rinforzato con elementi di esperienza, ma noi possiamo dimostrare di puntare al secondo posto”.

“Il Sassuolo di oggi è diverso dal Sassuolo dell’andata. Questa è una squadra che ha puntato su uomini di esperienza per cercare la salvezza, quindi non credo si possano fare paralleli. Io credo che ogni partita sia diversa, non si possono accomunare perché ognuna ha episodi unici. Abbiamo anche vinto contro avversari che fanno bene la fase difensiva in questo campionato. Per me la chiave è sempre la mentalità, la concentrazione e la fiducia che deve avere la squadra. In qualche partita lo facciamo benissimo, altre volte meno, ma il messaggio che do ai miei calciatori è sempre questo”.

Della partita in Coppa Italia con la Roma: “Sono soddisfatto ma voglio fare ancora meglio. Il bilancio oggi è positivo, ma i conti si fanno alla fine e noi vogliamo ottenere sempre il massimo. Con la Roma abbiamo interpretato una gara bellissima, con grande forza offensiva ma anche equilibrio difensivo. Abbiamo anche dimostrato un livello atletico brillante, quindi tutto ci ha soddisfatto e significa che la squadra sta lavorando bene. Adesso la partita con il Sassuolo è una grande opportunità per crescere e per dimostrare che puntiamo al secondo posto”.

Sulla probabile formazione visto le tante assenze: “Behrami sta bene è sempre affidabile e sarà in campo tranquillamente. Henrique mi piace, credo che sia una questione di tempo per lui. Arriva da un campionato diverso e si sta allenando con continuità con noi da poche settimane. Credo non sia ancora al cento per cento ma sta lavorando per arrivarci”.

Chiusura con una battuta su Maradona: “Maradona è un mito, soprattutto qua. L’ho conosciuto a Liverpool, abbiamo parlato di calcio, sono stato molto contento di averlo rivisto al San Paolo l’altro giorno, ma adesso guardiamo avanti e pensiamo al Sassuolo”.

Luigi Iervolino