CONDIVIDI

image

Ha parlato in conferenza stampa Rafa Benitez alla vigilia della delicata sfida contro l’Atalanta di Colantuono. Il tecnico spagnolo si è soffermato anche sul mercato azzurro appena terminato e suoi nuovi arrivi in casa Napoli. Ecco le sue parole:

Prima di tutto voglio dire in bocca al lupo a Cannavaro, perdiamo un giocatore importante. Il calcio è così, adesso dobbiamo guardare avanti e pensare all’Atalanta. Credo che la rosa è più equilibrata adesso, se questi giocatori erano i primi della lista dico che noi lavoriamo con le idee chiare su cosa siamo, cosa possiamo comprare e dove poter arrivare. Con quest’idea abbiamo cercato giocatori di ruolo specifico: Henrique può giocare anche a centrocampo, Ghoulam ha la gamba per andare sulla fascia. Poteva andare meglio, ma abbiamo fatto quello che volevamo fare. E’ una rosa più solida”
“Il mercato invernale è molto difficile: abbiamo subito preso Jorginho e provato a prendere giocatori di alto livello che fanno la Champions. Quelli che abbiamo preso hanno l’età giusta per il futuro della società. Abbiamo abbassato l’età media di due anni
Benitez parla degli avversari di domani:”Sarà diverso giocare in trasferta contro l’Atalanta, mi hanno detto che sarà una partita molto difficile. Abbiamo l’esperienza e la qualità per giocare bene, se giochiamo come con la Lazio sarà già un buon punto di partenza”.
Il mister dedica un pensiero anche ai nuovi arrivati:”Ghoulam ed Henrique non sono disponibili per fare una partita con l’idea che noi abbiamo del gioco. Il nostro problema adesso è che Mesto e Zuniga non sono disponibili e dobbiamo gestire Maggio e Réveillère. Lavoriamo con l’idea di questo rischio, devo insegnare a Ghoulam tutto quello che gli serve per poter dare un contributo”.
Chiusura dedicata alla reazione di Insigne ai fischi di mercoledì:”Cerco sempre di trovare il lato positivo della cosa. E’ un giovane, sa di aver sbagliato l’altro giorno. Tanti tifosi hanno capito che è meglio non fischiare la squadra, non è positivo per loro. Quando parlano male di Napoli, i napoletani si difendono. Se tutti faremo gruppo e sosterremo i giocatori, sarà meglio per tutti. Tutti possono fare quello che vogliono, io mi concentro sul mio lavoro: i giocatori giovani della nostra squadra devono essere sostenuti durante la partita, specialmente quelle contro le grandi che giocheremo al San Paolo. E’ importante creare una situazione positiva per far crescere la fiducia nei giocatori”
Luigi Iervolino