CONDIVIDI

corr_2_46978_immagine_obig

Il Napoli chiude il girone di andata con 42 punti e con un rotondo successo al Bentegodi di Verona. Gli azzurri di Rafa Benitez espugnano Verona grazie a un rotondo 3-0. Convincente la prestazione degli azzurri, che dopo un sostanziale equilibrio della gara nel primo tempo, sbloccano la partita alla mezz’ora grazie al momento di forma di uno strepitoso Dries Mertens, e poi nella ripresa annichiliscono gli scaligeri grazie alle reti di Insigne, alla sua prima rete in serie A quest’anno, e a Dzemaili, sempre pronto negli ultimi sedici metri.

Benitez ancora alle prese con gli infortuni, mette in campo una squadra compatta , con Rafael tra i pali e Fernandez e Albiol davanti alla difesa. Sugli esterni si rivede Armero e un super Christian Maggio, tra i migliori in campo oggi, nel cerchio di centrocampo assente Behrami, tocca alla coppia svizzera Inler-Dzemaili. In attacco, al fianco del confermatissimo Mertens e Callejon, Rafa manda in campo Pandev alle spalle del Pipita Higuain. Mandorlini risponde con il tridente. Terminale d’attacco Luca Toni. Sorvegliato speciale Jorginho, anche in chiave mercato.

Dopo un sostanziale equilibrio alla mezz’ora la squadra di Benitez passa. Mertens ben lanciato da Higuain va via sulla sinistra, rientra sul destro e fa partire uno splendido tiro a giro che si insacca nel l’angolo basso dove Rafael proprio non può arrivare. É il gol che vale l’1-0.

Nella ripresa il Verona prova a reagire, ma in 5 minuti il Napoli sale in cattedra e chiude i conti. E’ il 27′ azione di Maggio sulla destra e cross basso per Lorenzo Insigne, che da due passi firma il suo primo gol in serie A rompendo un lungo digiuno.
Al 31′ il piccolo folletto azzurro ha l’occasione per firmare il raddoppio, ma la sua conclusione viene respinta da Rafael e si avventa Dzemaili di gran carriera firmando con un tocco vincente il 3-0 finale che chiude i conti e regala al Mapoli tre punti preziosissimi.

Verona é conquistata…e adesso testa al prossimo impegno di mercoledì in coppa Italia contro l’Atalanta.

Roberto Sica