CONDIVIDI

Nella 32a giornata del girone C di Lega Pro il Foggia prende il largo ottenendo il settimo successo di fila e si porta a +6 sul Lecce. I satanici asfaltano con un secco 3-1 la Paganese, aggiudicandosi il derby pugliese dello Zaccheria: i rossoneri dominano il match in lungo e in largo, rischiando pochissimo in difesa. Mazzo apre i giochi al 3′ con un bellissimo tiro a giro, mentre al 52′ raddoppia sul perfetto servizio di Vacca. A calare il tris è al 61′ Deli, mentre il gol della bandiera azzurra lo sigla Cicerelli a nove minuti dal termine. Il vantaggio sui cugini pugliesi del Lecce, dunque, aumenta dal momento che i salentini vengono bloccati sullo 0-0 in quel di Cosenza. Il Lecce ha una buona chance nel finale con Tsonev, che però spreca. Giallorossi che di questo passo dovranno accontentarsi dei playoff. Le prime due della graduatoria stanno comunque dettando legge in questo finale di campionato: in zona play off pareggiano o perdono tutte, e per di più a favore delle squadre che lottano per la salvezza, obiettivo ora più vivo che mai per quasi tutte le squadre coinvolte. Il Matera, ad esempio, continua a mostrare tutte le proprie fragilità in trasferta, dove non vince dal 21 febbraio, pareggiando per 1-1 sul campo del Fondi ma difendendo comunque la terza posizione. L’unica luce in un primo tempo di basso rilievo è la zuccata vincente al 26′ di Gambino che porta in vantaggio la formazione di casa. Auteri nel secondo tempo rimescola le carte e al 55′ viene premiato dalla spaccata di De Rose che sigla il definitivo pareggio.

Termina infatti in parità anche il derby campano fra Juve Stabia e Casertana che confezionano un emozionante 2-2, al termine di una sfida ricca di colpi di scena. Ripa porta subito in vantaggio le Vespe, poi al 12′ parapiglia in campo e rosso per Capodaglio e Rajcic, e un rigore di Ciotola e Orlando ribaltano il risultato già nel primo tempo, prima che ancora Ripa rimetta le cose a posto in avvio di ripresa. Così la formazione guidata da Carboni rimane a due lunghezze dal Matera, con 4 punti di vantaggio sulla Virtus Francavilla che nel derby pugliese con il Taranto si ritrova due volte a rincorrere ma alla fine acciuffa il pari. A sorpresa, è la formazione ospite a passare in vantaggio all’11’ con Emmausso che dai 25 metri pesca un jolly imparabile. Nella ripresa arriva il meritato pareggio di Triarico. L’espulsione di Emmausso al 68′ porta l’inerzia tutta dalla parte dei ragazzi di Calabro, ma Magnaghi con un potente destro riporta il Taranto avanti di uno. All’88’ è Idda a togliere le castagne dal fuoco e a siglare il definitivo 2-2. Francavilla che guadagna un punticino sul Siracusa, che dopo sei risultati utili cade nel derby siciliano con l’Akragas. Decisivo Cocuzza. Chiudono la zona play off l’Andria e il Fondi, entrambe a 41 ed entrambe in crisi. I pugliesi perdono in casa con il Messina, mentre il Fondi, come detto, pareggia col Matera. Crisi senza fine per il Catania: gli etnei perdono la loro quinta partita consecutiva sul campo del Catanzaro. Sarao di testa e Giovinco su azione di contropiede portano i calabresi sul doppio vantaggio. Il Catania prova a riaprire il match con Mazzarani ma non riesce ad acciuffare il pari. Per i calabresi tre punti di platino, che valgono quota 32 in classifica a braccetto con i cugini della Reggina, che stoppa la striscia positiva del Melfi ultimo con le marcature di Botta e Coralli su rigore, con Foggia a fissare il punteggio sul 2-1. Melfi che si ritrova ultimo a braccetto con la Vibonese, riagguantata sul 2-2 al 93′ dal Monopoli con Mavretic dopo che un penalty di Saraniti e Viola, dopo l’1-1 di Gatto, avevano illuso i calabresi.

 

Risultati Girone C, 32/a giornata: Akragas-Siracusa 1-0, Catanzaro-Catania 2-1, Cosenza-Lecce 0-0, Fidelis Andria-Messina 0-1, Fondi-Matera 1-1, Juve Stabia-Casertana 2-2, Reggina-Melfi 2-1, Vibonese-Monopoli 2-2, Virtus Francavilla-Taranto 2-2.